Cerca su VerOrizzonte

martedì 31 gennaio 2017

Vivere per hobby

Non ricordo di avere già condiviso qui il video sulla "riproduzione facciale in tempo reale", quindi lo faccio ora; in ogni caso, vale la pena di una re-visione:



se non altro, perché ci ricorda che è possibile ingannare l'occhio umano anche quando si tratta di una realtà riconoscibile istintivamente, come quella della nostra faccia, e pertanto delle realtà ipotetiche come quelle delle "stelle" fisse e vaganti, e di (in)formazioni teoriche come le galassie e le nebulose, i buchi neri e i clusters, le possibilità di inganno sono letteralmente infinite per gli "esperti" spaziali; c'è un intero universo di falsità là fuori, e qualcuno non può proprio fare a meno di mostrarcelo il più spesso possibile, con ogni mezzo disponibile.

Quando invece si tratta dei commedianti da mettere in scena, sappiamo che i valoroso astro-nots sono altresì detti "actornauts", ovvero attornauti, e qui li vediamo sul set spaziale, alle prese con la sofisticatissima tecnologia dei cavi, che li mantengono sospesi nel loro "vuoto virtuale" mentre risultano invisibili al Gentile Pubblico Pagante, fintanto che non si incastrano da qualche parte, e allora richiedono l'intervento dell'uomo, che pure risulta paradossalmente invisibile per lo spettatore casuale, da che non sa cosa guardare per vedere qualcosa.

E' grazie all'occhio clinico di un Mr. Russianvids che possiamo notare ciò che si tende inevitabilmente a trascurare, se si è convinti di stare assistendo ad una diretta televisiva con degli individui che viaggiano in uno spazio tutto teorico a velocità del tutto impossibili, a bordo di una supposta 'base spaziale' che, come ogni supposta, ha un bersaglio facilmente immaginabile:



La stessa gente che NON vede i fili che sostengono gli attornauti in TV, perché sta guardando i suoi sorridenti eroi spaziali durante la loro "impresa", talvolta è quel tipo di gente che conosce i nomi e le posizioni delle stelle nel firmamento, e sa riconoscere varie costellazioni nelle notti terse, ignorando oppure trascurando del tutto il fatto che secondo il modello eliocentrico attualmente accettato




 questa Terra, e l'intero, cosiddetto "sistema solare", con Helios al centro, starebbero viaggiando alla velocità media (su cosa sia calcolata la "media" preferisco non saperlo)  di "828,000 km/h (230 km/s)"  (fonte: Google) nell'infinità di uno spazio teorico, diretto chissà dove. E ignorando o trascurando il fatto che questa condizione ipotetica rende del tutto impossibile la sua stessa conoscenza delle costellazioni note, le stelle fisse, che si dicono esser poste a distanze talmente grandi da dover essere inventate.
 Se credi che una stella sia a "un milione di anni luce", abbastanza lontana da non essere in alcun modo interessata dal moto del "sistema solare", non puoi credere di poterla vedere ogni notte allo stesso posto -o quasi- nella "parallasse stellare", così come la vedevano i Caldei e gli Egizi, se non giustificando la tua visione con il fatto che l'intero "uni-verso" teorico della NASA segua il moto della Terra nel vorticoso sistema di palle rotanti del "sistema solare"; l'esistenza stessa di una "parallasse stellare" nota fin dall'antichità, l'esistenza dell'astronomia derivata dalla astro-logia, e quindi ogni singola nozione in merito al firmamento, sarebbero completamente impossibili secondo quello stesso modello che oggi viene rifilato come un dato di fatto dall'astronomia "ufficiale", a partire dalla agenzia 'aerospaziale' americana. E' una cosa ovvia, evidente, e questo è un dato di fatto che non richiede complicatissimi calcoli e una conoscenza approfondita di quello Spazio Teorico descritto in tutti i libri e propagandato con ogni mezzo, tra fantascienza e finta-scienza.



La stessa questione, ristretta al "sistema solare" posta da 

Una domanda divertente su YouTube:

'Lasciatemi porre una domanda. Non riesco a trovare una risposta online da nessuna parte.
Allora, la Terra sta viaggiando a 66.000 mph attorno al sole. Si suppone. Quindi noi tutti siamo
nell'atmosfera terrestre e restiamo con la terra, anche se siamo su un aeroplano. Ma che mi
dite di quando le astronavi e gli astronauti e i satelliti escono dall'atmosfera terrestre? Perché
non vengono lasciati indietro. Vanno fuori dall'atmosfera e allora perché la terra non sparisce
via a 66.000 miglia all'ora a quel punto? Come viene spiegata questa cosa dalla gente che
crede in tutte queste BS?'' -- -Kristina Marie'

(ovviamente, io non so spiegarlo, perché non credo a queste "BS"=)

Per correttezza, dobbiamo aggiungere che il modello animato delle palle vorticanti, opera di un DJ Sadhu è stato duramente contestato nel 2013 dal redattore di Bad Astronomy, un astronomo di nome Phil Plait (...) che lo definisce fondamentalmente sbagliato, ma per tutt'altri motivi; ne potete leggere qui i dettagli, che preferisco non riportare. Quale sia l'opinione degli altri astronomi in merito, è per me tanto rilevante quanto lo è quella in merito alla struttura peroidale della Terra "rivelata" dal portavoce NASA de Grasse-Tyson, o dell'esistenza di uno "zodiaco" conosciuto fin dall'alba dei tempi. O del loro segno zodiacale.


Sempre per dovere di cronaca, devo anche riportare che l'articolo più recente dell'astronomo 'americano' nel suo blog suddetto è quello luttuoso, e orgoglioso, e americano, dedicato alle presunte 'vittime' della 'tragedia' del Challenger, che abbiamo visto -e rivisto- essere un'altro episodio tragicomico della lunga serie NASA "Mission: Space" , iniziata con la catastrofe dell'Apollo 1, il cui anniversario cadeva lo scorso venerdì:

"In una settimana di Anniversari di Tragedie, Dobbiamo Continuare ad Avanzare  Nell' Avventura"

e il motivo di una simile affermazione, al di là di quanto scrive costui, è direttamente proporzionale al budget, ovvero l'unica cosa davvero astronomica della NASA. Quando hai tanti soldi da poter lanciare il più grande razzetto della storia nel cielo, davanti a miliardi di spettatori che credono davvero che il tuo razzetto gigante arriverà sulla "luna" -proprio come in quel vecchio film di Méliès-, e poi devi soltanto produrre dei filmini di scarsa qualità con degli attornauti che saltellano appesi a dei fili su un fondale nero, e due foto della Palla di Terra per concludere con successo la tua missione (assieme a un "pezzo di Luna" che abbiamo visto essere legno pietrificato) non potresti davvero chiedere una posizione migliore al mondo... Basta ignorare totalmente la propria coscienza, escluderla in maniera definitiva da tutto ciò che si fa ogni giorno; basta depennare parole scomode come "etica" e "morale" dal proprio dizionario, e il gioco è fatto.
La "scienza" diventa così un altro strumento di potere, un altro oggetto di intrattenimento per il Grande Pubblico, e una  arma di distrazione di massa molto efficace.
E' un massacro quotidiano e globale.

Perché alla gente piace ancora essere ingannata, proprio come ai tempi di Méliès, e il "complesso militar-industriale" ha prodotto "materiale visivo" di ogni sorta nel corso dei decenni, a sostegno della insostenibile Teoria Eliocentrica. 


L'orribile allunaggio nel primo film della serie:



L'astronave del film "Alien" (1979) di R. Scott
diretta su una misteriosa, Grande Palla Aliena
Foto: Dennis Lowe Website

immagine: Google

e via, verso le Palle Infinite dell'Universo multimediale...

"TUTTO FA BRODO":

Foto: Gizmodo

Finché c'è qualcuno che se lo beve.

--

Per la serie "COS'HA LA GENTE NELLA TESTA?Justine Elizabeth‎ dall'Australia condivide questa foto su Unapologetic Vegans Group, e rimanda al discorso di qualche mese fa, sulla utilità di prodotti alimentari a base vegetale che "riproducono" dei prodotti a base animale, come i famosi wurstel, la "carne di seitan" (glutine!), e simili 'porcherie' che non fanno male a nessuno, ma "imitano" almeno nella forma e nella consistenza delle vere e proprie porcherie, cioè derivate dal maiale. Questa secondo me si merita l'oscar come peggiore porcheria vegan:




e certo, se uno non segue una dieta veg(etari)ana per dei motivi 'etici', ma soltanto perché qualcuno gli ha suggerito che mangiare carogne cotte non è la migliore delle idee per la sua salute mentale e fisica, se ne può anche impipare, ma perché diavolo chi ha scelto di non mangiare carne per altri motivi (compresa una 'apocalisse salvifica'=) dovrebbe comprare qualcosa che gli ricordi i maledetti piedini di maiale?

Eccolo lì, il PIEDINO:

Foto: Reddit

e sta benissimo dov'è, attaccato al maialino=)

--

Ho scoperto solo ora che Laurel Vaughan è una donna, e per la precisione una donna di Peebles, in Scozia; sicuramente è più informata di me sullo scandalo del "DJ e personaggio televisivo" Jimmy Savile, al quale Wikipedia English dedica questo articolo; il fatto che un simile mostro porno-pedofilo sia ritratto in compagnia del cardinale e arcivescovo Keith Michael Patrick O'Brien, capo della chiesa e della conferenza episcopale Scozzese e --come dice qualcuno in un commento-- che entrambi fossero amici intimi del principe Charles, è qualcosa che dovrebbe far pensare la gente:


Trad.: "PREGHIAMO"

Su Wikipedia leggiamo che "Le dimissioni del Cardinale O'Brien's seguirono alle accuse di condotta inappropriata e predatoria con seminaristi e giovani preti, e abuso di potere[3] Il 20 Marzo 2015  il Vaticano annunciò che egli rinunciava ai diritti e ai privilegi di Cardinale, limitandosi a mantenere solo la nomina." (Trad. mia)

--

Secondo SpiritEgg il mistero del déja-vu è stato rivelato da Akira O'Connor, dell'Università di St. Andrews, per cui 
 "Se prendiamo la metafora del cervello come PC (..) allora il d.v. funziona quasi come un backup per le nostre memorie a lungo termine; è un modo per il nostro cervello di determinare quali memorie a lungo termine sono legittime e quali sono immaginate.
Confusi? Ve lo spiego io. In pratica, quando viviamo una esperienza sensoriale, le nostre interpretazioni sono convertite in correnti elettriche che vengono sparate dai neuroni nel cervello. Le nostre memorie a breve termine, cioè le nostre esperienze immediate, sono immagazzinate in parti del cervello diverse da quelle a breve termine. (SIC!!! Suppongo che queste ultime siano quelle a lungo termine -- ma è una mia supposizione -- NdT)
Quando abbiamo un déja vu, quello che succede in realtà è che il nostro cervello immagazzina l'esperienza come memoria a lungo termine, e così quello che stiamo vedendo e provando sembra una memoria del pessato invece di qualcosa di nuovo."
(trad. mia)

Questa 'rivelazione' non mi soddisfa quanto la mia (stagionata) intuizione, secondo la quale in realtà TUTTO ciò di cui abbiamo esperienza in vita nostra accade sempre e soltanto Qui e Ora, e del fatto che l'intera 'vita' umana sia infine una sorta di ricordo, così come lo sono i sogni al risveglio (ma in uno "stato di coscienza" completamente ignoto) abbiamo una fugace scintilla di consapevolezza soltanto  in quei rari attimi chiamati 'déja vu"; per questo non siamo in grado di 'razionalizzare' queste brevi esperienze, perché farlo significherebbe de-razionalizzare tutto il resto della nostra vita, e questo non è conveniente per nessuno.
O quasi.

--

Ma torniamo coi piedi per terra, grazie alla meme di Brian Presunka che dice qualcosa di TERRIBILMENTE vero:


Trad.: "TUTTI NOI OSSERVIAMO UN 
PIANO STAZIONARIO 
E VEDIAMO IL SOLE 
CHE SI MUOVE 
ATTRAVERSANDO IL CIELO... 
(MA SE)
DICI A QUALCUNO CHE QUELLO 
CHE VEDIAMO E' QUELLO CHE 
STA ACCADENDO.. 
PERDE LA TESTA!"

E' proprio così; siamo arrivati a quel punto fatidico nella storia dell'uomo, in cui se dici che la Terra sembra ferma perché lo è, e i "corpi astrali" sembrano muoversi in cielo solo perché si muovono, la gente va nel panico, e il motivo lo conosciamo bene: qualcuno, quand'eravamo solo dei bambini, ha dovuto innanzitutto convincere tutti noi che ogni nostra esperienza sensoriale diretta e ogni ragionamento consequenziale da essa derivato erano fallaci, e ingannevoli, rispetto alla sacrosanta 'verità' che soltanto certi individui erano stati in grado di concepire, grazie alle loro menti prodigiose e ineguagliabili. 

Che loro erano i saggi, e noi i pazzi, incapaci di discernere la realtà dalla fantasia.

Che la "impressione" di inerzia è data da un magica forza invisibile che tiene l'aria attaccata alla Grande, Grande Palla Terrestre, così come gli oceani, ma ci lascia liberi di deambulare tutti, e liberi i pesci di nuotare, e gli insetti e gli uccelli e i pollini di volare; che la "apparenza" del movimento del Sole, della Luna e di tutte le lucine che si accendono di notte nei cieli è data dal nostro -impercettibile- moto in un infinito, quanto ipotetico, spazio vuoto.

Caro Lettore, quanto io mi vergogni di essere Qui, Ora, a scrivere di queste cose, spero che almeno tu lo possa immaginare dopo tanti articoli dedicati a questo argomento.
Siamo i discendenti -variamente ibridati- di quegli esseri dei quali leggiamo sui libri come 'dei', e siamo stati ridotti a questo, da chi si è auto-nominato 'vicario' di un certo 'dio' (degli eserciti di Israele), e questa io credo sia in sintesi estrema la realtà che sta venendo a galla in questo periodo, in cui il concetto stesso di 'apocalisse', o rivelazione, corrisponde al ri-conoscimento continuo della nostra Realtà opposta ad ogni teoria, ipotesi, fantasia o fola o bufala di sorta, che attualmente costituiscono la gran parte delle nostre 'scienze', della 'Storia' e della intera cosiddetta cultura -o cOltura- Occidentale.

Sappiamo invero ben poco di tutto, semmai, ma la notizia veramente pessima è che la maggior parte di ciò che sappiamo, che viene scritto e stampato, insegnato e imparato, è del tutto falsa. Irreale. Inesatta. Iniqua. Ambigua e, nel migliore dei casi, incerta. Non soltanto ci dobbiamo confrontare con l'inganno cosmico della nostra 'recita spirituale' in una dimensione (o tre, o quattro) che consiste essenzial-mente della nostra illusione materiale, sensuale e carnale, per cui la più grande certezza in assoluto è che in assoluto non vi è nulla di certo, o "vero", a questo mondo; ma ora ci dobbiamo confrontare con questo. E una volta ri-presa coscienza della Realtà Geocentrica, della Grande, Grande Palla di Terra, e di tutte le Grandi Palle Universali insegnate nelle università di tutto il mondo (piano, e stazionario), non c'è modo di tornare indietro, e cancellare la nostra coscienza riguardo questa Realtà, così come si può invece fare con estrema facilità con un bambino, che di 'coscienza' ne ha ben poca, e tende a credere a tutto ciò che dicono gli adulti. 
Babbo Natale, extra-terrestri e fatine dei denti compresi.


(altre "fatine"...)


Questo blog nel suo insieme è l'espressione della mia più estrema vergogna, e della più incontenibile forma di imbarazzo che abbia mai conosciuta, per un mondo di sarcofagi televedenti, drogati, ipnotizzati, cretini patentati e pato-logici globaLListi coatti affetti da una forma incurabile di inerzia cognitiva, a cui interessa solo di poter continuare a giocare a Monopoly per tutta la loro vita. 
Perché tutti continuano a giocare a Monopoly, nel frattempo, nella 'vita vera' fuori dal blog
Tutti parlano della "crisi economica", nessuno parla della crisi cul-turale in atto da almeno 500 anni a questa parte, da quando la Grande, Grande Palla di Terra prese il sopravvento sulla nostra Realtà, che malgrado tutto è sempre la stessa, come quella di cui abbiamo letto nella "meme" di Mr. Presunka. 
La Terra non si muove, se non in qualche area sismica; l'orizzonte è sempre orizzontale.

Tutti parlano dei foglietti di carta stampati dalla zecca



di Stato, ma nessuno parla delle fogliette che escono dall'asfalto della strada, e che sono un toccasana e una prelibatezza nel contempo



La gente di questo mondo si è resa schiava di sé stessa per la sua incapacità di affidarsi completamente alla stessa Terra che malgrado tutto continua a sfamarlo --a dissetarlo, e a dargli aria da respirare-- e per la sua fiducia nei peggiori psicopatici criminali mai esistiti, che sono i suoi stessi "capi", i padroni di quel sistema da cui essa dipende interamente, e che pertanto hanno assunta una autorità 'reale' in un mondo del tutto artificiale.
La Portulaca oleracea continua a bucare l'asfalto di cui è ricoperta la Terra per farsi mangiare.
Se i viali alberati fossero affiancati da meli secolari, anziché frassini e olmi, i cittadini mangerebbero passeggiando alla luce del Sole e i dottori, levàti di torno, si dedicherebbero al giardinaggio a tempo pieno.
E anch'io.

Qualcosa che merita di esser vista oggi è questa coppia di Ploceidae, o 'uccelli tessitori' condivisi da أجمل ما ترى عيناك ღ طيور ღ:

"caratterizzati da colori vivaci e dall'abitudine di costruire 
nidi di grandi dimensioni e struttura complessa." (Wikipedia)

A ognuno il suo hobby.

2 commenti:

  1. Questi quattro burattini della NASA ripresi durante la solita commedia teatrale in studio ad hollywood, ci fanno vedere le capriole nella falsa gravità , nella falsa ISS e nello spazio che non esiste, senza avere cura di tagliare i fotogrammi dove il socio del ginnasta piroettante, trattiene per un cavo ben nascosto Yuri Chechi che sta per andare a sbattere da qualche parte.
    Spero di non venir mai a conoscere il motivo delle pubblicazioni di questi falsi a regola d'arte, è impossibile che non si accorgano, anzi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto al Piano Terra -- e grazie per averci ricordato ancora una volta che la parola-chiave in certi ambienti è chutzpah.. perché in effetti è impossibile che non se ne accorgano, mentre è quasi impossibile che il Gentile Pubblico Pagante si "accorga" di qualunque cosa, e loro lo sanno bene. Guarda come ridono =) a presto

      Elimina