Cerca su VerOrizzonte

lunedì 9 gennaio 2017

La Fontana Magica

Kevin Bruce su Flat Earth vs Spherical Earth Official propone una versione più sostenuta del mio tapis roulant dell'altro giorno, con un indovinello:


Trad.: "Immaginate un 747 su un nastro
trasportatore, lungo e largo quanto una
pista di decollo. Il nastro è costruito per 
mantenere la stessa velocità delle ruote, 
muovendosi nella direzione opposta.

L'aereo può decollare?"

Anche in questo caso, quello del nastro trasportatore è un paragone che rende l'idea, ma non prevede il fattore della rotazione invariabilmente antioraria -o da est verso ovest- della Grande Palla, che solo in rarissimi casi sarebbe lo stesso senso di marcia del carrello, oppure l'esatto opposto di quello delle ruote dell'aereo in decollo mentre, nella stragrande maggioranza dei casi, la direzione delle ruote dell'aereo sarebbe divergente rispetto al moto rotatorio assiale nei gradi più svariati, e ognuno di essi, compreso il più "favorevole", renderebbe del tutto impossibile il decollo. Senza nemmeno menzionare l'atterraggio. E, tanto meno, il volo

Ma tutto ciò non sembra non aver mai preoccupato i piloti, dall'avvento dell'aeronautica ad oggi, pur considerando il fatto che al momento del decollo, e a partire da uno stato di completa inerzia un aviogetto si muove ad una velocità decisamente molto inferiore agli oltre mille km/h che sono la presunta media della Grande, Grande Palla. 
Ci sarà qualche globallista tanto convinto da poter giustificare questo prodigio tirando in ballo la solita, magica gravità..?

Ho scoperto solo ora che Nick Havock è il nome di battaglia di Nick Sangetta su Facebook, con questa sua image macro:

Trad.: "PERCHE' NON POSTI NIENT'ALTRO CHE "MEMES"?
"PERCHE' MI SONO STANCATO DI SPIEGARE SEMPRE LA SOLITA "ROBA"
A GENTE CHE NON HA OVVIAMENTE COMPIUTA ALCUNA RICERCA.
PERCIO' PRENDO LA SPIEGAZIONE E LA APPICCICO AD UNA IMMAGINE
PER VOI. PREGO. -- NICK SANGETTA A.K.A. NICK HAVOK"

Grazie, Nick; e ora che conosco la sua 'identità segreta' relativa al cognome, o soprannome, mi chiedo, quel "Nick" non sarà soltanto un "Nick-Name"??
Notiamo intanto che per gli ameri-cani ormai "shit" (lett. merda) vale proprio per ogni cosa a questo mondo, mentre il termine "meme" ha completamente soppiantato quello proprio della image macro; così né l'una né l'altra cosa hanno più il loro significato originale, ma tutto quello che si potrebbe fare a questo proposito sarebbe una image macro, che poi tutti gli americani chiamerebbero meme, a prescindere dalla sua popolarità e dal senso stesso del termine.



Un uccello martello (Scopus umbretta)
del Kruger National Park in Sud Africa

e il Trogone di Hispaniola (Priotelus roseigaster)






il Florican minore (Sypheotides indica)



e il Turaco unicolore (Corythaixoides concolor)


Chi conosce il funzionamento di queste cose:


Gli archi di una alzata dell'acquedotto di Segovia, nell'attuale Spagna
Di Bernard Gagnon - Opera propria, CC BY-SA 3.0
https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=9696281


SA che non funzionerebbero mai su una grande, grande palla rotante. Che noi non si avverta il più vago sentore delle svariate circonvoluzioni terrestri ad incredibili velocità, non avrebbe comunque mai permesso agli architetti dell'antica Roma di costruire questi mirabili e famosi congegni edilizi. in grado di trasportare centinaia di migliaia di metri cubi d'acqua al giorno per decine di chilometri  con un flusso regolare, solo in virtù della loro minima pendenza rispetto alla sorgente. Non avrebbero mai funzionato su una curva discendente della Grande Palla, e tanto meno avrebbero potuto funzionare in salita.
Abbiamo un mondo di prove, anzi un intero universo di evidenze indubitabili che dimostrano la realtà del geocentrismo, con tutte le sue stelle fisse e vaganti e i Grandi Luminari celesti, abbiamo ogni dato necessario a smentire con certezza matematica la sfericità della Terra; e abbiamo anche gli acquedotti romani. Non è il caso di entrare nei dettagli, che troviamo tutti su Wikipedia; il giroscopio, la bussola, il telescopio, non funzionerebbero, o sarebbero inutilizzabili su una Terra sferica; gli aerei non potrebbero decollare, noi non potremmo camminare, e gli antichi acquedotti non avrebbero mai portata acqua a nessun romano, su una Terra sferica. Questi, sono i fatti.




"COME FUNZIONA IL TRAMONTO SE LA TERRA E' PIATTA?
QUANDO IL SOLE SI ALLONTANA, A CAUSA DELLA 
PROSPETTIVA SU UN PIANO ESSO SEMBRA DISCENDERE. 
MENTRE CONVERGE VERSO IL PUNTO DI FUGA"
a dx: "Scia del Sole "

Un altro esperimento (riuscito=) di scatto sincronizzato della luna, da Brian Presunka:







--

Un ritaglio di vita "social"; il collega e Savio Neo-Geocentrista Dhaval Rashmikant Rao ha appena cambiata la sua copertina su Facebook:



Trad.: "SVEGLIATI!
LA TERRA E' PIATTA
NESSUNA CURVATURA
NESSUNA GRAVITA'
LA NASA INGANNA
I MEDIA MENTONO
LO SCIENTISMO E' UNA RELIGIONE
L'EDUCAZIONE PUBBLICA E' INDOTTRINAMENTO
LA TELEVISIONE E' CONTROLLO MENTALE
I POLITICI SONO CORROTTI
I MASSONI ADORANO LUCIFERO
L'OCCULTISMO GOVERNA IL MONDO
NON C'E' ALCUNO "SPAZIO ESTERNO"
GLI ALIENI SONO DEMONI
IL CANCRO E' UN'ARMA
CI NASCONDONO IL CREATORE
VOGLIONO LA MENTE DEI TUOI FIGLI
STANNO ARRIVANDO PER LE TUE ARMI
VOGLIONO CHE OBBEDISCI, CHE TI SOTTOMETTI E TI CONFORMI
SEI UNO SCHIAVO!
ALLA FINE AVRAI QUELLO CHE TI MERITI
SVEGLIATI E FAI QUALCHE RICERCA
LA TUA IGNORANZA E' UNA SCELTA
I TUOI FIGLI MERITANO LA VERITA'
SEI STATO AVVERTITO!"

Quello che si potrebbe definire come il manifesto di un teorico del complotto in piena regola; ma in effetti qui e ora c'è ben poco da teorizzare, e per quanto alcune affermazioni qui siano dubbie, o ambigue, avventate o imprecise, siamo tutti testimoni della veridicità dell'insieme, al di là del nostro grado di consapevolezza; come sappiamo, la stragrande maggioranza si ferma già alla prima voce della lista, messa in crisi da un accesso fulminante di dissonanza cognitiva che potrebbe richiedere giorni, settimane o mesi o anni per essere sconfitta; semmai. 

Il fatto che qui non si menzioni la religione non-scientistica, se non in merito al "creatore nascosto", è sintomatico e ce ne accorgiamo leggendo il post che Dhaval ha pubblicato oggi:


Trad.: "La mia famiglia pensa che io sia posseduto dal maligno
perché ho bestemmiati gli idoli e le immagini dei loro così detti dèi."

Come ben sappiamo, l'India non è un paese monoteista, e quindi anche il bestemmiare, così come il pregare, dev'essere un'azione più impegnativa che non dalle nostre parti. Ad ogni modo, la questione riguarda il presunto "dio" dei Massoni, che secondo qualcun altro è  Jahbulon, come ho scritto qui lo scorso Aprile; anch'esso, come l'altro, e come abbiamo visto allora, non è proprio quel genere di cosa a cui viene spontaneo prostrarsi in adorazione, piuttosto che prendere la scopa per ramazzarlo fuori dalla stanza:


L'altro, più famoso, è meno terrifico nella sua forma "occultistica" nota, di uomo-capro; ma al di là degli aspetti simbolici e zoologici ed estetici, dobbiamo prender atto che gli stessi adoratori di queste cose sono affiliati, o meglio confratelli in una forma di società segreta non-segreta, ma in compenso perlopiù ignota presso il pubblico televedente, di cui partecipano tutti i personaggi più potenti del mondo politico e religioso. La cosa a me nota invece è che questo mondo, che potrebbe essere un paradiso naturale, è ridotto artificialmente ad un inferno, tanto a livello "ecologico" che a livello sociale e socio-logico, e tutti noi conosciamo benissimo i responsabili di questa condizione globale, nomi, cognomi e brands; pertanto, non dovremmo avere alcun dubbio sulle qualità assolutamente maligne del nostro governo, dei capi di stato, degli amministratori pubblici e degli ecclesiastici, eppure si tende a ridicolizzare le nozioni sulla magia nera come vera politica internazionale, e ad etichettarle come teorie della cospirazione, come se si volesse o potesse negare che non c'è nulla della nostra realtà politica che si potrebbe mai salvare da un Giusto Giudizio. 

Eppure, nel frattempo, tutti non possono che patire delle conseguenze di questa situazione, tutti hanno una qualche consapevolezza del male al potere, in proporzione diretta rispetto a quello che devono sopportare di persona, e come vuole l'antico adagio si continua a preferire il "mezzo gaudio" in virtù di un male comune che sembra inevitabile, quasi che la necessità di una guida di qualche tipo debba necessariamente comportare tutto l'orrore di una Terra dissacrata, abusata, avvelenata, martoriata, e offesa in ogni modo possibile, con tutte le conseguenze inevitabili per i suoi abitanti. Quella stessa Terra che, al di là del nostro grado di consapevolezza a riguardo, continua a donare a tutti noi aria, acqua e cibo, anche se questo poi lo andiamo a raccogliere in un supermercato, e anche se crediamo di aver bisogno di un medium mortale del nutrimento proveniente dalla Terra, per cui dobbiamo ottenerlo attraverso i resti di una vittima innocente, secondo la tradizione dei paradossali sarcofagi-saprofiti umanoidi.

Fa specie parlare di gente che crede la Terra una trottola, vivendoci sopra, ma cosa dovremmo dire di quanti si credono carnivori di natura, conoscendo la struttura organica dei veri carnivori, e quella umana? Possiamo attribuire certi comportamenti soltanto all'ignoranza, o soltanto alla falsa-istruzione, all'indottrinamento coercitivo, alla programmazione mentale? O forse qualcuno ci mette del suo per far sì che queste condizioni infernali continuino a prevalere sul potenziale paradisiaco di questo nostro "habitat"? 

Che io non sia un "sognatore" -durante lo stato di "veglia", l'ho dimostrato con le mie cronache "stradali" dell'estate scorsa, quando spesso e volentieri mi coglievo i pasti per la strada; al contrario del consumatore medio, come ogni "vegan", ho una consapevolezza intima e viscerale e vitale della bontà di questa Terra e dei suoi frutti, e quindi della malignità del sistema attuale e della sua piramide alimentare, tutt'ora imposta come modello standard stampato sui libri di testo, assieme alla Grande, Grande Palla di Terra.
Come ogni "vegan" coscienzioso, anch'io ho la certezza assoluta che l'industria di malattia e di morte degli allevamenti industriali e di big pharma siano conniventi nei gravissimi crimini perpetrati quotidianamente contro la specie umana e varie altre, che alla stessa stregua vengono trattate a livello massivo, a milioni per volta, ridotti a dati statistici relativi agli andamenti del mercato, a semplici numeri, e questo è ciò che si ottiene accettando l'iniquità del "mondo comprato", dove tutto e tutti hanno un prezzo, e quindi di nulla e nessuno ha un reale valore, da che il reale valore del denaro, lo stesso che dovrebbe "far girare il mondo" secondo l'adagio popolare, è zero, 
Perciò questo mondo non gira affatto, in nessun senso, o direzione.

Dunque, contro chi o cosa imprechi il nostro Dhaval, ripudiato dalla sua famiglia per questo, non lo sappiamo, ma di fatto non ha molta importanza; non conosciamo il sistema religioso Indiano, e il suo affollatissimo pantheon, come lo possono conoscere gli indigeni, ma dall'individuo che ha pubblicata una simile lista dei Grandi Mali che affliggono tutti noi, potremmo dedurre che colui stia dalla parte del giusto, e che anche nel suo caso le maledizioni siano rivolte a tutto ciò che contrasta la sua giusta visione delle cose, che è la stessa in ogni angolo di questa Terra piana e stazionaria.
Se non altro, dalle nostre parti non dobbiamo chiederci se gli adoratori di Shiva siano più o meno corrotti di quanti si dedicano a Krishna, e chi è meno peggio tra questo e quell'altro e l'altro ancora; possiamo tenerci ogni dubbio sulla reale id-entità del dio-mostro massonico, se non che vogliamo sottoporci al giuramento della Loggia e trascorrere qualche decennio scalando la sua gerarchia, facendo 'tutto il necessario' richiesto dall'Ordine per poter infine accedere al sommo mistero riservato ai Maestri; ma non dovremmo avere dubbi sulla realtà del potere della chiesa cattolica romana, così come dello strapotere politico, ovvero delle facciate pubbliche del Male che l'utenza supporta solo mantenendo le abitudini di famiglia, in quanto fedeli praticanti ed elettori. Come dice giustamente il manifesto di Rao, (oggi) l'ignoranza è una scelta, e per quanto non si abbiano alternative a livello di educazione pubblica, è inevitabile per me pensare che la quasi totale assenza di una erudizione privata, a livello individuale, sia uno dei fondamenti di questo Impero del Falso, il quale si regge unicamente sulla fede condivisa a livello massivo dei dogmi religiosi come di quelli scientifici; e nessuno che sia in grado di pensare colla propria testa si vorrebbe mai sottomettere allo schiaffeggiamento morale e intellettuale costante e ininterrotto rappresentato dallo stesso concetto del dogma

Secondo Wikipedia

 "Il termine dogma (o domma) è utilizzato generalmente per indicare un principio fondamentale di una religione, o una convinzione formulata da filosofi e posta alla base della loro dottrina, da considerarsi e credere per vero, quindi non soggetto a discussione da chi si reputa loro seguace o fedele. Il termine può essere applicato in senso estensivo a discipline diverse da quelle religiose."
(https://it.wikipedia.org/wiki/Dogma)

Come si possa accettare una cosa come "indiscutibile" nel contesto religioso, è per me un dilemma; ma come lo si possa fare nel contesto di qualunque altra disciplina non-religiosa, è qualcosa che travalica la mia capacità di comprensione, perché occorre essere molto prossimi alla nullità assoluta per credere nella forza di gravità, alla teoria dei germi, alla piramide alimentare, ai dinosauri, o ad un universo pieno di Grandi Palle Rotanti, senza nemmeno considerare per un istante la possibilità che simili, madornali castronerie fanta-scientifiche non corrispondano al vero. Come abbiamo già visto in merito alla spudorata esibizione di pressapochismo nel mondo dell'intrattenimento scientifico della NASA, di fronte a questo scenario desolante è inevitabile per certa gente partire dal presupposto che al Grande Pubblico si possa dare a bere proprio qualunque cosa.
Non per niente, stiamo parlando degli  ameri-cani, gli inventori ed esportatori mondiali del Veleno Liquido Per Bambini Di Ogni Età:


questa roba è buona soltanto per sturare i cessi, ma questo è 
il grafico che rappresenta la storia della Coca-Cola Co.:


il fatturato dichiarato nell'anno fiscale 2015 era di 44,29 miliardi di dollari (Google), alla faccia della "crisi economica", e malgrado il successo del merchandising, i loro prodotti principali sono tutti, dal primo all'ultimo, veleno puro; tranne i succhi di frutta, che però al di là della dubbia provenienza e qualità della materia prima, sono sicuramente confezionati e trattati in modo da adeguarsi allo standard industriale globale, che è il peggior modo di trattare qualunque cosa naturale
E poi c'è l'acqua, imbottigliata nella plastica, perché altrimenti è troppo innocua. 
Ecco l'esempio di un'industria che non conosce crisi dal 1919: quella del veleno. Il brand più noto del mondo, della intera storia dell'industria "alimentare", quello associato strettamente al personaggio più amato dai bambini (che viene dipinto con i loro colori aziendali), la bevanda di Babbo Natale in persona, è un cocktail micidiale di zuccheri, acidi, "aromi" e gas,

E poi, se davvero hanno tolta la coca dalla ricetta, perché la chiamano ancora "coca-cola"? 
Non dovrebbe chiamarsi "cola-cola" (e in Italia magari "Sola-Cola=)? 
Questa non è pubblicità ingannevole?

Comunque sia, non è vero che sia buona solo per sturare i cessi; qui ci sono 10 usi -tra cui il suddetto- che sono potenzialmente meno rischiosi dell'ingestione:




e vale la pena di menzionare questa informazione di base, per dare un'idea generale del prodotto:


Trad.: "La Coca-Cola contiene acidi e altri composti chimici
che sono più tipicamente usati in prodotti detergenti e pesticidi."


--

Proprio oggi ho avuto un flashback di questa immagine, condivisa oggi da David Pratt su Facebook; 5 ore fa, leggo, che è più o meno il periodo del mio flashback... Sincronicità...?



Credo che sia più significativa di quanto l'utenza multimediale possa anche soltanto immaginare: l'"inventore" di Topolino e Paperino che indica la Luna, è il fotogramma di un documentario Disney sulle "missioni spaziali"; la didascalia di Mr. Pratt (altro nome ebraico-americano) è "Walt Disney/Werner Von Braun The Freemason/Nazi/NASA/Occult connection" ovvero la "connection" (che in gergo giornalistico è utilizzato appunto in questo genere di oscure "connessioni", in origine riferito al narcotraffico) "tra Frammassoni, NASA e Occultismo". Non aggiungo altro, questa immagine da sola vale più di due o tremila parole; tutto sta nel guardarla nella giusta prospettiva.
E poi farsi il proprio flashback, più o meno sincronicizzato con qualcuno su Facebook.


Se volete sapere perché vivere su una gigantesca palla che ruota sul proprio asse alla velocità di 1600 km/h all'equatore "non è poi così ridicolo", se conoscete l'Inglese e potete sopportare l'americano, ve lo spiega questo tizio che io credo sia lo stesso utente di Facebook 
Bryce Fritzel 
che ha condiviso il video sulla pagina di Official Flat Earth & Globe Discussion:


video


Per farla breve, siccome quel misero chilogrammo di differenza che l'uomo di 100 Kg. (cliente di McDonald's=) dovrebbe esperire su di sé, spostandosi dall'equatore al Polo Nord, è poca cosa --che si può perdere nel giro di una notte, dice l'esperto nel video-- allora che si dica che viviamo su una Grande, Grande Palla trottolante a 1000 all'ora improvvisamente e definitivamente non è più "ridicolo". Ogni altro aspetto della Questione viene molto comodamente accantonato, e del tutto trascurato, com'è nella prassi del mondo scientifico moderno; che ogni altro argomento a sostegno della teoria eliocentrica sia completamente infondato, e che il solo fatto di poter restare in piedi sullo scenario da fantascienza horror-surrealista dei coperni-cani si possa spiegare solo ed esclusivamente per mezzo della magica gravità -che mai fu provata, e mai lo sarà- passa in secondo piano, indegno di menzione. Questo è quello che gli anglofoni chiamano un "globehead", o testa-di-globo, e ciò che io definirei un globallista di prima categoria; questo suo è un valido esempio del metodo di ragionamento tipico dell'eliocentrista coatto: che è poco. Ma pessimo. 

Infine, abbiamo una lavagnetta completamente ricoperta di cifre, lettere, calcoli ed equazioni che non provano assolutamente niente, e non hanno alcun reale significato, ma proprio come i giganteschi razzetti sparati nell'Oceano, e come le passeggiate spaziali girate in piscina, fanno tanta scena, e questo è quello che vuole il pubblico. Qualcosa che valga la pena di essere visto, consumato cogli occhi, e che possibilmente  non abbia nulla da spartire con la realtà delle cose.

Si tratta di un (altro) errore mastodontico:



Un altra prova, sono le formazioni di ghiaccio composte dall'acqua che è schizzata da questa fontanella nottetempo, ai giardini pubblici in città:







Nessun commento:

Posta un commento