Cerca su VerOrizzonte

venerdì 5 agosto 2016

Il Danno D'Annata

Consideriamo questo in partenza: il termine Ebraico נאזי - nazi(h) - significa "danno".
Abbiamo un caso storico famosissimo con questo titolo di lavorazione, reso indimenticabile grazie al bombardamento multimediale incessante a cura dei Sigg. Eletti, in cui gli eventi furono completamente travisati a favore degli stessi, e a discapito del nemico. L'esempio è ovviamente quello della II Guerra Mondiale; questo Danno maiuscolo è oggi parte della "cultura Gentile", che in genere qui definisco meno eufemisticamente cOltura (da che i termini sono sinonimi) o anche "cultura-non-cultura"; la versione "riveduta e corretta" dei fatti è quella insegnata nelle scuole, così come la Teoria Eliocentrica che definisce lo scenario "universale" della logosfera cattolica; o meglio, Gentile.

Dunque, nel caso "storico" quelli che furono simpaticamente abbreviati dagli anglofoni (noti per le loro scorciatoie linguistiche) come "nazi", furono storicamente sconfitti, e come si è visto nel post dello scorso Febbraio il simbolo Benigno per antonomasia, il cui significato letterale è infatti "Ben-Essere", ovvero swastika, è stato associato indelebilmente a questa vergognosa farsa in cui perlappunto il Bene fu "simbolicamente" bandito dall'umano consorzio e, come si è visto nel post di cui prima, in alcuni paesi è reato utilizzare quello che è forse il più antico e sicuramente il più beneaugurante dei simboli nella storia dell'umanità.
In termini strettamente geometrici, come insegna lo stesso Guénon, lo swastika rappresenta il Principio del Movimento o meglio, secondo le sue parole, "l'azione del Principio in rapporto al Mondo" com'è intuibile logicamente dal senso di moto espresso dai bracci della "croce uncinata" (QUALUNQUE sia il loro verso); il concetto stesso di "movimento" è il principio di ogni espressione vitale, non esiste vita senza movimento, e non può esserci movimento senza vita.

[Merita una parentesi l'evidente, e innegabile incongruenza del presunto "nomignolo", per cui "Nationalsozialistische Deutsche Arbeiterpartei" (Partito Nazionalsocialista Tedesco) sarebbe logicamente riducibile ad un "Nati-sm(o)" e NON a "Nazi-sm(o)", cosa che risulta MOLTO OVVIA nelle lingue germaniche, compreso l'Inglese, mentre per l'italofono appare corretto dal momento che noi diciamo "nazi-one", e non "nation". Dunque, per quanto a NOI risulti perfettamente "normale" abbreviare "nazionalsocialismo" in "nazi", ciò non giustifica l'abbreviazione del termine nella sua lingua d'origine nè tantomeno in quella dove si è diffusa maggiormente (attraverso i media) fino a divenire comune in ogni "colonia" Americana; e dunque questa sorta di "indizio" estremamente Chutzpah è da tenere in serissima considerazione, perchè rivela la natura ludica e spudorata del Gioco stesso, condotto e amministrato interamente sempre e soltanto da certa gente, gli inventori del "Monopoly"; perchè se mai si decidesse di cambiar gioco, loro non vincerebbero più nemmeno una monetina...]

Il simbolo più mortalmente Fermo, invece, l'esatto opposto del Principio Vitale rappresentato dal moto dello swastika, il più negativo dei simboli possibili è quello che abbiamo visto prima come insegna di Kartikkeya, divinità della guerra nella mitologia Induista, e quindi adottato dai Rotschild (fondatori dello "stato virtuale di Israele") come emblema ufficiale di una nazione oggi riconosciuta molto legittimamente anche da una buona parte del pubblico come "terroristica";
la così detta "stella di David" o anche "sigillo di Salomone" è di fatto la Shatkona, "un simbolo induista che rappresenta l'unione tra l'elemento maschile e femminile. Più nello specifico rappresenta Purusha (il supremo essere) e Prakriti (madre natura)."
Fermo, dicevo, com'è evidente allo stesso modo dello swastika, secondo la impeccabile logica geometrica, nel simbolo dell'esagramma, da che ogni simbolo rappresenta sè stesso, e nella sua comprensione attraverso l'espressione grafica, o "geometrica" risiede la capacità dell'uomo di comprendere tutti i significati più essenziali, spesso inesprimibili a parole, per cui la simbologia è propriamente definita "scienza sacra"; re-citiamo Wikipedia ancora una volta:
"La Shatkona è un simbolo induista che rappresenta l'unione tra l'elemento maschile e femminile. Più nello specifico rappresenta Purusha (il supremo essere) e Prakriti (madre natura)."

Nella logosfera sacra Tamil (Induista) [...]  la Shatkona è un esagramma "associato al figlio di Śiva-Sakthi, il dio Murugan".
Perchè, come diceva qualcuno, "La guerra è madre di ogni cosa", o anche "tutto è figlio della guerra", in altri termini; filosoficamente parlando; 
ma nell'Induismo Shakti è "'potere' o 'potenziamento', è la energia cosmica primordiale e rappresenta le forze dinamiche che si credono muoversi attraverso l'intero universo. Shakti è il concetto o la personificazione del divino potere creativo femminile, a cui talvolta ci si riferisce come 'La Grande Madre Divina' nell'Induismo" (https://en.wikipedia.org/wiki/Shakti - Trad. mia!); 
nel caso particolare il triangolo posto in posizione normale, cioè colla base di sotto e il vertice sopra, rappresenta la deità così come nella ambigua iconografia giudeo-cristiana, e pertanto questo è il suo significato "rivelatore" nella nostra logosfera, che è assimilabile solo attraverso la dottrina bramanica (da Brahman) al 'mito della morte'; in una visione terra-terra, adeguata al soggetto, questo simbolo rappresentante "l'unione tra l'elemento maschile e femminile" è un amplesso eterno, e questo determina la condizione di estremo disagio psico-sociale per cui gli anglofoni si dicono spesso tutti "fucked up", e del resto da noi non è rara l'impressione di essere -perdonate l'inglesismo- "fottuti"... 
Continuamente, quotidianamente, in ogni modo e in ogni senso non-sessuale possibile.

Śiva, per quanto spesso sia frainteso oltremodo a causa della polivalenza del suo ruolo (e di Indiana Jones) è un personaggio decisamente meno "benigno" del pantheon Induista, tanto che uno dei suoi nomignoli (menzionato però qui da un tale Zimmer) è "il distruttore"; ma Śiva è altresi noto come Ballerina Cosmica o Nataraja che con la sua danza distrugge un "universo esausto e prepara per la sua innovazione" (Wiki), pur lasciando a "dio" (Brahma) il processo creativo vero e proprio... Un personaggio decisamente ambiguo, che descrivere qui con la stessa presunzione del critico letterario di provincia alle prese con la recita parrocchiale del Corpus della Letteratura Tradizionale Indiana non è cosa da me; ma del resto sarebbe necessario conoscere l'intero corpus in questione, o perlomeno i fondamenti di un sistema religioso e di una tradizione mitologica millenaria praticamente infinita, soltanto per poter comprendere ciò che al contrario risulta già fin troppo ovvio (Chutzpah/mente) dal simbolo stesso.

Infatti contrapponendo il simbolo della Terra a quello del Cielo si ottiene quello, che in termini meno pretenziosi ma non meno enigmatici, si avrebbe nella famosa quanto improbabile eventualità dell'incontro tra la forza irresistibile e l'oggetto inamovibile; che l'esito sia considerato estremamente devastante, oppure nullo, in questo caso non direbbe nulla di buono per chiunque sia sottomesso al potere di un tale annichilimento simbolico; 
troviamo il medesimo concetto nel "motivo" ricorrente della pavimentazione nelle logge massoniche, lo stesso della scacchiera, dove il bianco e il nero si ripetono all'infinito creando una sorta di 'grigiore mentale' -mi si passi l'analogia cromatica- una sorta di 'oblio ottico' nell'osservatore; se il bianco, teoricamente composto da tutti i "colori", e il nero, che non corrisponde ad alcun "colore", non sono di fatto "colori" veri e propri, il grigio è l'unione delle loro qualità acromatiche, una realtà talmente nota che ci si riferisce comunemente al "grigiore" della vita, della città, della periferia, e di qualunque cosa relativa all'ambiente umano. 
Naturalmente.
Al di là delle mie interpretazioni "artistiche" del concetto, sarà chiaro per il lettore che i famosi simboli che "governano il mondo" secondo la massima confuciana, hanno subita questa sorte; il Ben-Essere del Movimento è stato bandito e reso uno zimbello, come uno spaventapasseri per il Gentile utente storico, mentre il simbolo dell'Inerzia Forzata, della stasi coercitiva e auto-rigenerante, della condizione di uno Stallo Cosmico durante uno Stupro Eterno, sostenuto da un tipo estremamente fantastico di "scienza" e "religione", variamente sovrapposti e intercambiabili presso il Gentile pubblico, corrisponde alla bandiera dei padroni (materiali) di questo mondo.

Al contrario di quanto afferma Wikipedia infatti NON è possibile che "come le forme geometriche semplici, come ad es. il  triangolo, il cerchio, o il quadrato, l'esagramma sia stato creato da svariate persone senza alcun nesso tra loro"; o meglio, mentre è certamente possibile che non esista alcuna connessione tra gli 'utenti simbolici' nel corso della storia, il risultato della loro opera rappresenta sempre invariabilmente solo sè stesso, così come il triangolo è sempre un triangolo, un cerchio è un cerchio, etc., e così come il Principio del Movimento dello swastika -assieme al suo eloquente nome- non può esprimere nulla di 'negativo' in sè e per sè, allo stesso modo la opposizione di due forze assolutamente contrarie come quella rappresentata dalla "stella di Murugan" NON può rappresentare, in essenza, alcunchè di positivo; se non per chi lo utilizza ai danni di chiunque altro, esclusivamente per i propri fini; e questo, se non fosse ancora chiaro, è un principio della magia così detta 'nera'. (Il contrario si può dire nell'evidente "flusso armonico" di Yin e Yang nel simbolo Taoista, anch'esso 'matematicamente comprensibile' dall'osservatore.)
Questo è un mondo di parole, per quanto siano i simboli a governarlo; se definiamo il nostro simbolo con un altro nome, ovvero un'altra parola, come "esagramma", o meglio ancora come "hexagram" scopriremo che è stato o viene correntemente utilizzato anche dai Cristiani, dai Mormoni, dai Rastafariani, dai Musulmani, in araldica, in teosofia, nell'occultismo, e -ovviamente- nella Massoneria; nell'occultismo è "usato per evocare spiriti e forze spirituali" (id.); spiriti e forze che non sono necessariamente soprannaturali, nel nostro caso, ma che ugualmente agiscono "al di sopra" de,,a nostra natura


Benchè in origine -prosegue Wikipedia lo satkona/sadkona yantra simbolizzi "il nara-narayana, o perfetto stato meditativo di equilibrio ottenuto tra Uomo e Dio, e se mantenuto, risulta in "moksha," o "nirvana" (la liberazione dai legami del mondo terreno e delle sue trappole materiali)", sappiamo benissimo come sia perseguito questo stato di equilibrio in termini terreni, conoscendo le sanguinose cronache relative a tutto ciò che riguarda il fiabesco "stato di Israele". Analizziamo la descrizione apparentemente 'neutrale' fatta dall'autore di Wikipedia: l'esagramma noto come satkona o sadkona yantra rappresenta il "nara-narayana", ovvero l'"equilibrio perfetto tra Uomo e Dio"; accantonando momentaneamente gli aspetti 'metafisici' che permettono al regime del Falso di prosperare indisturbato nel corso dei millenni, e che riguardano appunto il concetto di "moksha," o "nirvana", che elude il ciclo perenne di morte e rinascita, chi altri a questo mondo possiamo ri-conoscere abbiano ottenuto un simile perfetto "equilibrio" tra "dio" e "uomo", a livello massivo, tale da interessare la gran parte dell'umanità coeva come ci si può aspettare appunto da un "potere divino"? Come è stato ottenuto poi questo 'equilibrio perfetto', se non a danno di ogni singolo "utente religioso", che inevitabilmente sarà utente del fantomatico 'complesso militar-industriale' dal quale dipende per ogni aspetto della sua vita quotidiana? Non ci riferiamo al "conflitto sulla striscia di Gaza, dove i residenti continuano a tirar sassi ai carrarmati Israeliani (made in the U.S.) e quelli dal canto loro non possono far altro che sparare, per autodifesa; non ci riferiamo alle circostanze straordinarie di un casus belli, fra i tanti seminati accuratamente per il mondo, ma del "Sistema" stesso, della vita quotidiana di miliardi di persone, e che la 'maggioranza silenziosa', l'utenza tele-vedente, è disposta ad accettare come 'normalità'. 
Ed è esattamente il contrario.

Infine, abbiamo un simbolo rappresentante uno stato (ideale) che "se mantenuto risulta in "moksha," o "nirvana"," ovvero " la liberazione dai legami del mondo terreno e delle sue trappole materiali"; ovviamente, non ci riferiamo qui alla logosfera sacra Induista, come l'oggetto della nostra indagine non è (più) l'emblema di Murugan, ma il 'sigillo di Salomone', o 'stella di David', che compare sulla bandiera Israeliana, e all'esagramma "magico" associato a Saturno (Kronos, il "tempo"); i quali, accidentalmente, sono la STESSA COSA; in questo modo si 'mantiene' l'equilibrio perfetto del "nara-narayana" nei termini più efficaci possibili in un mondo governato dai simboli, e in cui non si costruiscono chiese e basiliche e cattedrali per Śiva o per Shakti, ma per un unico, singolo, mono-dio del quale eviteremo -per precauzione- di menzionare il nome. Potrebbe esser quello stesso dio adorato nella parrocchia del mio lettore, sempre accidentalmente.
Quindi non ci riferiamo a gente che persegue la liberazione dei legami del mondo terreno ma, al contrario, agli stessi inventori del Materialesimo che oggi domina incontrastato grazie al Culto Unificato di Mammona, diffuso in ogni continente (noto); gli inventori, e i padroni della fabbrica del Monopoly a cui ogni utente monetario è costretto a giocare dalla nascita; e parliamo di gente che succhia il prepuzio appena mutilato dei neonati, e nel contempo ci considera -testualmente- "inferiori alle bestie dei campi"... 

A proposito... Condiviso da Adel Khatib
(Trad.: "Quelli sono Presidenti Americani o Burattini Sionisti?")


Ciò che persegue questa gente è esattamente, in modo infallibile, tutto ciò che ha; si definiscono "eletti dal Signore", per ogni buon motivo per quanto il diritto sia molto discutibile;
possiedono i media più influenti, tanto nella "logosfera" (seppure compartimentalizzata appositamente per il Gentile pubblico) che nella "videosfera", manipolano l'immaginario collettivo incessantemente attraverso i burattini politici e dell'intrattenimento, le loro "armi di distrazione di massa" e i loro vari, sempre efficaci "fenomeni editoriali" (V. Sitchin, Icke, Brown, etc.); possiedono armi impareggiabili nell'era dell'immagine come la TV -altro fattore relativo al concetto di 'onnipresenza'- e il cinema, il quale mantiene nel tempo e malgrado TUTTO quella fascinazione invincibile che come si è detto è conseguenza dello "archetipo" che possiamo ri-conoscere nel concetto della 'recita', o lila.
Per non parlare della 'cultura generale', e delle "scienze" in particolare, dove, se non ci aveste fatto caso, essi sono in grado di convincere tutti i terricoli di abitare una trottola sferica sospesa in uno spazio del tutto teorico. Per cinque secoli di fila.

Ma non c'è limite ad un potere concesso da dio in persona, specialmente se i suoi "supplenti" sulla Terra, ovvero i Vicari ecclesiastici, partecipano alle stesse festicciole con lo stesso grembiulino decorato, da bravi discepoli e da ottimi Maestri.

E questo riguarda il 'caso storico', noto e anzi largamente propagandato con ogni mezzo possibile, da che il "fattore memoria" è ineguagliabile in questa strategia a lunghissimo termine, quando cerchiamo di definire il "danno", che come si è visto in apertura in lingua Ebraica è נאזי o nazih;
il caso che interessa complessivamente le nostre cronache attuali, e che al contrario del primo è lungi dall'essere propagandato nel mondo del Gentile pubblico, è appunto quello descritto qui sopra a proposito dei moderni "eletti", che si potrebbero definire storicamente come 'ebrei per convenienza', e che di fatto hanno dimostrato al mondo intero i vantaggi dell'appartenenza al popolo di un Paese inventato, conquistandolo.
Perchè quel paese favoloso è stato inventato da dio in persona, oppure forse quel dio in cui tanti credono è stato inventato dal paese immaginario, e in ogni modo le due cose esistono in virtù l'una dell'altra, senza dimenticare che il biblico Israel ("Giacobbe") è 'colui che ha combattuto con Dio'  (e con gli uomini)-- e ha vinto (!!!)
Queste genti sono i così detti Aske-nazi, i discendenti dei Kazari rifugiati in Turchia e convertiti forzatamente al Giudaismo dalle circostanze politiche, e disseminati in seguito in Germania, in Russia e nell'Europa orientale, prima di abbordare gli USA e farne la loro "nuova Sion".
Sono gli inventori dell'America teatrale, radiofonica, televisiva e cinematografica, dell'americanismo e dell'americanizzazione, meglio nota come 'globalizzazione'; sono gli inventori, e/o tra i principali responsabili, della nostra religione e della più grande, longeva e famosa "società segreta" al mondo; gli inventori del comunismo, del socialismo e del nazionalsocialismo, gli stessi che inventarono i soldi attraverso il principio del debito e del credito, una forma legalizzata di strozzinaggio, delle banche, e di ogni paradossale conseguenza, come il "debito mondiale"; oggi si è diffusa una certa consapevolezza di aspetti particolari come il "signoraggio bancario" e la "moneta sovrana", mentre il principio stesso del Grande Gioco del Monopoly -che non è proprio altro- sembra accettabile come ogni abitudine generazionale assunta per osmosi, dal mangiare cadaveri al guidare mostruosi ordigni di tecnologia antidiluviana...


immagine pubblicata da Il Fattaccio su Facebook


Essi sono i proprietari delle banche, in un mondo dove le lobbies sono un teoria illegale che corrisponde ad una pratica comune in ogni governo; sono i proibizionisti della cannabis, che pure conoscono tradizionalmente da sempre come erba cerimoniale sacra (ne resta per noi solo il pro-fumo dell'incenso, che l'ha sostituita per ovvi motivi) per cui sono sempre stati sostenitori e divulgatori di questa verità occulta in un mondo completamente proibizionista (V. l'opera dell'ebreo Californiano Jack Herer, tradotta dal blogger e ancora scaricabile da Enjoint); il fenomeno è, appunto, "globale", perchè la "globalizzazione" è ancora e sempre in atto, ed è infine, in questo nostro mondo-di-parole, una forma più definitiva e definitivamente materialistica del concetto della uni-versalizzazione che in termini religiosi corrisponde al "catolicesimo".
Ricordando ancora al lettore che uni-verso non significa altro che ciò che il termine esprime, un unico verso, o senso, eventualmente imposto da/con una certa forza.
Come per la Magica Gravità.
Sono gli inventori del "mondo" per come lo conosciamo, governato dal "sistema" che conosciamo, e abbiamo imparato a disprezzare e odiare nel corso della nostra ricerca individuale; perchè TUTTI odiano il "sistema" per un motivo o per l'altro, tranne chi lo sostiene attivamente con la propria attività; e in un mondo che viene "fatto girare" (solo figuratamente=) dai soldi, sono davvero pochi gli individui che non lo facciano, in ogni Paese.
Perchè TUTTI giocano a Monopoly... Ma sono altrettanto pochi quelli che si divertono a farlo.

Il "senso" di tutto si può ricercare e ri-trovare puntualmente soltanto nel 'verbo', ovvero nel Logos, da cui la nostra 'logica' terragna, che contempla ogni forma differenziata dello scibile dalla Astro-logia alla Zoo-logia; e in questo breve post spero di essere riuscito ad evidenziare l'enorme, maiuscola Ironia tipicamente Chutzpah, del 'mostrare orgogliosamente ciò che non si dovrebbe" (una forma di "esibizionismo intellettuale"=) a chi per sua natura non è in grado di comprendere il significato di ciò che al contrario può, o deve, esperire e conoscere... perchè considerato di una schiatta inferiore, bestiale, letteralmente non-adamica (perchè soltanto gli "eletti" sono discendenti dell'uomo, lo stesso famoso adamu dei Sumeri), indagando l'aspetto ludico che è tanto essenziale nel nostro mondo-di-parole, quanto è in genere trascurato dall'utenza "globale", del termine Ebraico נאזי - nazi(h), e il DANNO che esso rappresenta per chiunque NON ne conosca questo "senso giocoso" originario, di un umorismo infinitamente perverso che soltanto una deità spietata potrebbe considerare divertente, ai danni di tutte le sue creature; comprese tute quelle che non confidano nel "logos", e anzi scappano non appena sentono qualcuno parlare.

ADDENDUM del 6.08.16: pubblicato da Mondo Sporco su Facebook:



Costoro sono gli unici a doversi inventare delle guerre per poter smuovere flussi di denaro che sono del tutto improponibili e ingiustificabili in qualunque paese in tempo di pace; e sono gli unici ad avere inventato un intero universo teorico, da esplorare tutto a spese dei contribuenti Americani (e a detrimento del mondo intero), con la promessa di stupire sempre con successo il grande pubblico, attraverso tecnologie digitali all'avanguardia ed effetti speciali sempre estremamente veristici; o quantomeno, "credibili"... almeno per qualche tempo. I video sulla Beffa Lunare si moltiplicano su Youtube ormai da anni, e possiamo considerarlo un buon segno, e un passo decisivo verso la ri-scoperta della Realtà Geocentrica da parte dei tele-vedenti eliocentristi coatti.
E' tutto talmente ovvio, semplice e palese, tutto così evidente, come la condizione stazionaria di questa terra, la sua piattezza, la relativa vicinanza degli 'astri', come il MONDO stesso che tutti o quasi CREDONO essere una palla rotante, solo ed esclusivamente grazie all'opera di quelle stesse genti che inventarono il "dio unico" -il Loro, gelosissimo!- e si auto-nominarono amministratori delegati della sua intera creazione... Appunto, per questo scrivo certe cose su un blog che è interamente dedicato alla Questione Più Fondamentale, alla Realtà Geocentrica opposta alla Teoria Eliocentrica; non per altro.

Quanto scritto stanotte mi pare l'introduzione adatta per le informazioni seguenti, condivise su Facebook da Anders Troseth (da Trondheim, Norvegia) con il testo (trad. mia):

"Caricherò qualche foto con alcune spiegazioni. Riguardo l'origine della parola "massone". Come sembra che gli ebrei portarono la cabala e (la loro) astronomia nel mondo attraverso la frammassoneria e la religione. (SIC)

[Ciò che chiamiamo moderna cosmologia è in realtà soltanto astronomia massonica, e ciò che chiamiamo religione è spesso soltanto teologia stellare; adorazione del sole.] 

Ciò che qualcuno chiama l'Arco Reale (Royal Arc); o volta stellata; firmamento; cupola; e nella recente "cultura pop" anche "il tetto in fiamme", ma non abbiamo bisogno di acqua però ("inside joke")!

E il fatto che essi parlino del tempio di Salomone (tempio per il sole e la luna) come se l'avessero effettivamente costruito. E' avviluppato nel mistero e perlopiù una diceria da buoni giudei ben istruiti; ma che cacchio; La tradizione orale della cabala è una solida prova, non è così? Lo è anche di più dopo essere stata convertita nella tradizione massonica ci potete scommettere.

E il tempio di Salomone è davvero un simbolo della cupola/firmamento? Se è così essi dichiarano di aver preso i loro strumenti Massonici e di aver messa la cupola sulle nostre teste loro stessi? O che essi hanno costruita qualcosa di simile sulla terra?

Vale la pena di notare inoltre nelle ultime immagini di questo album come i frammassoni traggano conclusioni sugli antichi, e mentano deliberatamente secondo il loro codice. Essi affermano che gli Egiziani sapevano che madre terra rotea attorno al sole, e che essi meditavano spesso sulle inclinazioni dello stesso asse della Terra! Aspettate... cosa?

Astronomia cabalistica! Vecchi libri scritti da frammassoni la raccontano così."

Questa introduzione suggerisce al lettore la Reale entità dell'Inganno, dove sappiamo "il trucco c'è, e si vede"; o meglio, che non c'è altro da vedere, e per questo non è difficile crederci, per quanto non sia impossibile "scoprirlo"... con un po' di pazienza, un poco alla volta; quando parliamo di un "intero mondo falso", intendiamo questo mondo comprensivo di questo "cielo" sopra di noi; abbiamo meditato sulle parole del biblico epitaffio di Von Braun, e se non altro oggi conoscendo la reale cosmologia possiamo anche comprendere come sia possibile il controllo climatico totale di questo "mondo", all'interno di un sistema (deliberatamente) CHIUSO; ma lascio al mio lettore simili conclusioni, per incollare qui di seguito le 23 immagini della preziosa "galleria foto-letteraria" di Mr. Troseth:



Trad.: sull'"Arco Reale dei cieli" sono rappresentati 6 dei 12 segni zodiacali (in Latino=) che vanno da "saggezza" (Equinozio Autunnale -- Bilancia) a "bellezza" (Equinozio Invernale -- Ariete) attraverso la "forza"  che corrisponde al segno (simbolico) del Cancro (Solstizio d'Estate) -- La domanda (Q.) recita: "Perchè i tre grandi punti zodiacali che supportano l'Arco Reale dei cieli sono anche emblematici di saggezza, forza e bellezza?"


Trad.: "La parola Inglese nut [noce, frutto secco in generale, o anche dado del bullone, ma con questa parola in Inglese viene definita in modo informale anche una "persona che si comporta in maniera molto sciocca, stupida, o strana" ed è quindi un "termine offensivo per una persona malata di mente"!!-- ndt] viene dal nome di Nuith, dea dell'albero sacro. -- I cieli arcuati al di sopra erano personificati dalla dea celeste Nuith."


Trad: "Shu separa Nut, o Neith, (cielo) e Seb (terra) all'inizio della creazione."



Trad.: "L'albero sacro -- 84. Il Santo nella forma ripiegata in tre parti crea l'universo, come riportato nel Vangelo di Giovanni. Da una miniatura Francese del XVIII Sec. (Da M88. di Re Enrico II, BIBL.REALE). In basso  l'aquila dell'evangelista al centro dei sette pianeti dello zodiaco."


Trad.: "In principio creò cielo e terra!"


Trad.: "La bellissima vergine del terzo grado"


Trad.: "Stendardo dell'Arco Reale -- Santità al Signore"


Trad.: "(R. La grande fonte di luce --il sole.")

L'Arco Reale
D. Cos'è l'Arco Reale?
R. Può essere definito quasi con le stesse parole come la loggia, ed è niente meno che la volta stellata dei cieli, o grande arco zodiacale che si estende dall'equinozio invernale a quello autunnale.
D. Come è sostenuto l'Arco Reale?
R. Dai tre punti cardinali dello zodiaco: essendo i punti equinoziali alla bale e i punti solstiziali alla sommità.
D. Di cosa sono emblema questi tre punti?
R. Come i tre pilastri della loggia, simboleggiano SAGGEZZA, FORZA, E BELLEZZA. Il Dr. Oliver, nel suo Dizionario della Massoneria Simbolica, ci informa che "La loggia è sostenuta da tre pilastri, i quali sono Saggezza, Forza e Bellezza perchè nessuna parte architettonica si può dire perfetta se non che abbia..."-- "


Trad.: "Il Tempio di Re Salomone
D. Di cosa è emblema il tempio di Re Salomone?
R. Quel tempio non fatto da mani, eterno nei cieli [SIC]
D. Ha la parola "tempio" qualche significato che esprima questo?
R. Tutti i templi antichi fuono originariamente dedicati all'adorazione del sole e dei corpi celesti estivi, i cui circuiti nei cieli ogni anno erano emblematici rappresentati nei dettagli della loro costruzione e ornamenti. Il termine "tempio" [qui temple, ndt] viene da tempus, tempo; templum viene da tempus, e la parola "tempio" è quindi sinonimo di tempus, tempo dell'anno.
D. Da chi il tempo -ossia, il tempio- è abbellito e adornato ogni anno?
R. Dal sole, il quale, da Marzo a Ottobre. è continuamente impegnato ad abbellire i cieli e la terra."


Trad.: "Capitolo 5. Astronomia Massonica

..finito." Fu così, dunque, che il sole, nel suo passaggio attraverso i sette segni (tipici degli anni) da Ariete a Scorpione, si dissero, emblematicamente, sollevare l'Arco Reale, abbellire e adornare i cieli, e portare i frutti abbondanti della terra.

[Ricordiamo che il termine "heavens" -plurale di "cielo"- tradotto qui in "cieli" secondo la tradizione nostrana, definisce anche ciò che altrimenti si potrebbe rendere in "paradiso" -- e questo è sicuramente un dettaglio degno di attenzione da parte del lettore, ndt]

D. Bisogna quindi ritenere che l'intero racconto della costruzione del tempio di Re Salomone, per come  è dato dalla tradizione massonica, un mito astronomico?
R. Per nessun motivo, poichè non esiste fatto più certo della costruzione del Tempio di Re Salomone, come testimonia tanto la storia sacra che quella profana. E' nondimeno vero che la tradizione massonica a tale rispetto sia di importazione mistica. Essa contiene in sè non solo la storia riguardo la costruzione di un effettivo tempio terreno e materiale, ma anche una descrizione emblematica dei cieli e della terra, così come dei particolari del passaggio annuale del sole attraverso i dodici segni dello zodiaco. Esistono anche buoni motivi per credere che il tempio stesso fu espressamente costruito, in modo da essere nelle sue varie parti emblematico dell'intero ordine naturale.
Josephus (il più grande sapiente tra i Giudei) ci informa direttamente che il tabernacolo, che fu un prototipo del tempio, fu quindi emblematico nella sua costruzione.  Egli dice, parlando del tabernacolo e delle vesti del gran sacerdote, che,"


Trad.: 
"D. Con quale nome erano noti anticamente i massoni?
R. Molto prima della costruzione del tempio di Re Salomone i massoni erano noti come i "Figli della Luce." La massoneria era praticata dagli antichi con il nome di LUX (Luce), o un suo equivalente, nelle varie lingue dell'antichità.
D. Quale si dice essere l'origine della parola "massoneria"?
R. Siamo informati da vari illustri scrittori che essa è una corruzione del termine Greco mesouraneo, che significa "Io sono nel mezzo del cielo," alludendo al sole, il quale, essendo "nel mezzo del cielo" è la grande sorgente di luce. Altri lo derivano direttamente dall'antico Egiziano Phre, il sole, e Mas, figlio. Phre Massen -ovvero, Figli del Sole, o, Figli della Luce."



Trad.: "MORTE E RINASCITA DEL DIO SOLE

51. Posizione delle costellazioni dello zodiaco all'alba, il 22 Settembre, nel mezzo dell'età dell'Ariete. Le costellazioni dei sei mesi fertili sono sopra l'orizzonte e quelle dei sei mesi infertili sono al di sotto. La Bilancia, divide i due periodi.
La costellazione dell'Ariete che sorge con il sole il 21 Marzo ora sprofonda ad Ovest. La Vergine sorgerà ad Est durante la notte del 21 Dicembre e sarà allo zenith il mattino, quando il sole sorge in Capricorno."



Trad.: "[...]Il rettangolo 3x4 come forma basilare su cui fu costruito il mondo. In basso a sinistra il rettangolo è diviso diagonalmente a formare due triangoli nella proporzione di 3x4x5. La seconda diagonale forma la Sezione Aurea dei Greci.
In basso a destra il rettangolo è diviso verticalmente in 3 sezioni. La diagonale di ogni sezione ha un angolo di 23½ gradi. Il disegno in alto mostra l'orbita terrestre in un rettangolo 3x4 con l'asse terrestre inclinato di 23½ gradi verso il sole."

(sissignori, "orbita"; di una Terra piana e stazionaria.)


Trad.: "Capitolo 5. Astronomia Massonica
Astronomia e Geometria
D. Quali due scienze sono sempre state trattate con speciale riverenza dai massoni?
R. Astronomia e geometria, quest'ultima poichè essa è la fondazione della prima"


Trad.:"Malgrado l'ovvia debolezza di questo metodo di interpretazione, la Cabala fu di gran moda tra gli studiosi Europei durante il Medioevo, e Raimondo Lullo, Athanasius Kircher, Paul Ricci, il Rev. Francis Buddaeus, i Rosacrociani, il Rev. John Lightfoot, il Barone von Rosenroth, e molti altri dichiararono che essa era stata tramandata dai patriarchi.
Paracelso, il Cardinale Nicolaus Cusanus, Jacob Bohmen, il Cardinale Aegidus di Viterbo, Papa Sisto IV, Theophilus Gale, Rudolph Cudworth, Sir Isaac Newton, Spinoza, Schopenhauer, Hegel, e Sir Francis Bacon furono studenti della Cabala e testimoniarono la sua validità."


Trad.: "SIMBOLISMO SESSUALE
Fig.1 è un segno del creatore. 2. La Sacra Trinità. 3. Gesto dei preti episcopali e cattolici nel dare la benedizione. 4. benedizione (Giudaica) 5.vescica piscis, 6. segno delle corna. 7.segno fallico. 8, 10, 11, segni mistici dei rabbini Giudei. 9. mani di una danzatrice Induista. [...] 12. segno del  fico [o "fica", ndt]. 13. segno di yoni. 14. lo stesso che il n.7. 13, 16, segni di yoni. 17. unione di maschile e femminile."

NdT: Se ancora il simbolo del "Coito Universale" dell'esagramma famoso non bastasse a definire la natura completamente materialistica, e apertamente sessuale del sistema in oggetto.
(Perchè, abbiamo tristemente notato, non bastano nemmeno gli "scandali" dei preti pedofili.)



Trad.: "[Ero? ndt] doto dice anche, "La Geometria all'inizio divenne nota in Egitto, da cui passò in Grecia" (Libro II, Cap.CIX). Gli Egiziani conoscevano il vero sistema dell'universo. Era loro familiare il fatto che il sole è il centro del sistema solare, e che la terra e altri pianeti roteano attorno ad esso in orbite fisse. Essi sapevano che la terra è di forma globulare, e che orbita sul proprio asse, producendo così giorno e [segue, ndt]"


NdT: Ormai conosciamo, a grandi linee, quello che Mr. Troseth definisce "il loro codice", che qui vediamo applicato laddove, dopo avere descritta la natura artificiale del firmamento o "Arco Reale" e dei sette "cieli" corrispondenti ai "pianeti", che si sono già esaminati nelle varie cosmologie e abbiamo visti riportati anche nel Talmud e nella Bibbia, assieme ad ogni altra antica cosmologia, l'autore parla di un "vero sistema" con il sole al centro del "sistema solare assieme a tutte le altre, solite palle rotanti, e di una Terra sferica rotante sul proprio asse... Questo è il "salto dimensionale", che avviene tra una pagina e l'altra di questo libro, così come nei libri di Storia, durante la Storia stessa, dove da un giorno all'altro il mondo divenne una Grande Grande Palla, e quindi anche "emblematicamente" proprietà intellettuale -ma anche religiosa, politica, culturale, finanziaria, commerciale, etc. etc.- dei suoi inventori; in questo modo il "signore di Israele" è divenuto "signore del Globo", che ogni savio geocentrista sa perfettamente non essere altro che un mondo teorico. Ma questo è sottinteso.

Una volta constatato che dei massoni hanno "fabbricato" questo mondo artificiale in ogni sua parte, compresa la sua incredibile forma, in un universo pure completamente inventato, e che la massoneria deriva parte dei suoi "misteri" (destinati come si è visto prima a chi raggiunge un Certo Grado, dove cominciano ad affiorare radici fino ad allora considerate 'occulte', perchè occultate) dalle dottrine esoteriche dell'antico Egitto, possiamo intuire che gli Egiziani conoscessero di fatto ciò che poi divenne "vero" proprio attraverso l'azione Massonica nel corso dei secoli, e che oggi corrisponde al Dogma Scientifico insegnato nelle scuole, quello che TUTTI conoscono, e che è di fatto una "verità" corrispondente alla completa falsità.
Questa sarebbe probabilmente una ennesima "rivelazione" di cui non abbiamo altre testimonianze, conoscendo solo le presunte origini Greche della teoria eliocentrica riportate dai testi "ufficiali"; ma del resto i "misteri" dell'antichità Occidentale provenivano tutti dalle avventurose esplorazioni degli studiosi in terre straniere e spesso esotiche, in primis l'Egitto, per poi essere introdotti come "scuole di pensiero" in associazioni di tipo settarico, e quindi è tutt'altro che improbabile l'origine Egiziana di questo "sistema teorico" che oggi costituisce una immensa vergogna per l'intera umanità. 
Il proseguimento del capitolo qui sotto supporta questa mia ipotesi -- che in effetti avrei potuta risparmiare al lettore, se avessi notato prima che l'immagine è il proseguimento del testo tradotto qui sopra




Trad. [segue] : "(Capitolo 4. Ciò che gli Antichi Conoscevano Sull'Astronomia) ....notte. Essi conoscevano anche la rivoluzione della luna sopra la terra e che la luna brilla di luce riflessa del sole. Essi comprendevano i calcoli delle eclissi; erano a conoscenza della obliquità dell'eclittico, e che la via lattea è una collezione di stelle. Essi sembrano aver compreso anche il potere della gravitazione, e che i corpi celesti sono attratti da un centro. ("Herodotus" di Rawlinson, appendice al Capitolo VII, Libro II e autorità ivi citate.) Pitagora, che introdusse il vero sistema dell'universo in Grecia, lo ricevette da Oenuphis, un prete di On, in Egitto.
Questa grande competenza solo in astronomia renderebbe un fatto certo che gli antichi possedessero il telescopio, a lungo supposto essere una delle grandi invenzioni dei tempi moderni, da che le scoperte di molti di questi fatti astronomici, noti ai Caldei e agli Egizi, sarebbero semplicemente impossibili senza di esso. Una conoscenza del sistema eliocentrico, a lungo perduta, e riscoperta da Copernicus, non si considerò mai effettivamente dimostrata o accreditata dai moderni fino alla riscoperta del telescopio, che rivelò le fasi di Venere, e così risolse la questione oltre ogni dubbio.
Noi, tuttavia, non siamo tenuti a speculare soltanto su questo punto, poichè esistono positive testimonianze che gli antichi possedevano il telescopio.
Cito ancora da "Prehistoric Nations" di Baldwin:

"Tanto progresso in astronomia richiede il telescopio, o qualcosa di equivalente, e sembra necessario credere che gli antichi avessero un tale supporto per la loro vista. Layard e altri riportano della scoperta di una lente di notevole potenza tra le rovine di Babilonia. Layard dice che questa lente fu trovata con due bocce di vetro in una camera delle rovine chiamate Nimroud [SIC]. E' piano-convessa, di un pollice e mezzo in diametro, e nove decimi di pollice sul lato del piano. Sir David Brewster dice, "La si intendeva utilizzare come lente, per magnificare o per condensare i raggi del sole."
(V. "Nineveh and Babylon" di Layard, pp. 16-17, Cap. VIII)"

NdT: a questo punto della lettura, da che abbiamo visto il "vero sistema" corrispondere alla Teoria Eliocentrica, abbiamo certezza del fatto che -secondo il "loro codice"- laddove si legga "vero", significa in effetti "falso"; e "fatto" significa invece "teoria". La de-codificazione è alquanto semplice, una volta ottenuta la chiave-di-lettura.


Sono frequentemente menzionate lenti concave e convesse utilizzate per fini ottici, ed esse provengono evidentemente dall'Egitto e dall'Oriente. Iamblichus ci dice, nella sua Vita di Pitagora, che Pitagora cercò di escogitare strumenti che avrebbero aiutato l'udito efficacemente così come vetri ottici e altri dispositivi per il supporto della vista. Plutarco parla di strumenti matematici usati da Archimede "per manifestare all'occhio la grandezza del sole." Sia Pitagora che Archimede studiarono in Egitto e in Fenicia, e probabilmente in Caldea. Pitagora, che visse nel sesto Sec. a.C., si dice avesse "visitato l'Egitto e molti Paesi dell'Est" in cerca della conoscenza, e Archimede, che visse dopo il tempo di Alessandro, trascorse molto tempo in Egitto, "e visitò molti altri Paesi."

Sembra che, ai tempi di Pitagora, i "vetri ottici" utilizzati come stratagemma per aumentare la potenza della visione, fossero tanto comuni da non essere considerati oggetto di curiosità, e non ci possono essere ragionevoli dubbi che fossero stati dapprima invventati dai grandi uomini che crearono quella profonda scienza dell'astronomia per la quale le genti di origine Cushita si distinguevano preminentemente, e che erano così intimamente connessi con la religione. ("Prehistoric Nations" di Baldwin, pp. 178-179)

Le autorità menzionate qui sopra, e le considerazioni avanzate, rendono certo che gli antichi non solo possedevano il telescopio, o un suo completo equivalente, ma avevano anche raggiunta una competenza in astronomia abbondantemente sufficiente per loro da avere originate le allegorie filosofico-astronomiche a loro ascritte nel corso di quest'opera. La loro religione, scrive Mr. Baldwin, era intimamente connessa con l'astronomia.
Avendo quindi disposto delle materie che consideravamo essere preliminari necessari per il nostro soggetto, la considerazione delle connessioni tra le idee astronomiche degli antichi e la loro religione, e l'origine e il vero significato delle tradizioni massoniche, delle leggende, dei simboli e degli emblemi, non sarà ulteriormente rimandata. Ciò che abbiamo da dire sarà incorporato in una serie di domande e risposte. [...etc.]"


Trad.: "I Pilastri del Portico, da un'antica medaglia"


Trad.: "Teologia Stellare e Astronomia Massonica" di Robert Hewitt Brown, 32°

---------------------------------------------------

Ancora a proposito nuvologia, ho appuntata questa nota sul mio desktop da qualche tempo:
Secondo LaMontre G R Maxwell di Memphis (TN) come scrive su Flat Earth Revolution:
"le NUVOLE (materia) sono in realtà accumuli di vapore acqueo che cercano di lasciare la terra, ma si espandono contro una barriera invisibile che la MATERIA non può oltrepassare -- i MISSILi (materia) cercano di lasciare la terra... ma possono oltrepassarla?"

(Da quanto sembrerebbe a giudicare dai video dei lanci missilistici NASA visti su YouTube , e dalle loro traiettorie, non ci provano nemmeno)

Qualche recente anomalia immortalata in città; il solito angolo retto:



una nuvola che, al contrario, è composta di sole curve e disegna una spirale:


L'occasionale cuoricino;


una "appendice geometrica":


???


Le cose sono più movimentate negli USA, come ci informa l'amico Sherlock Stu:


Trad.: "Oh, sembra che gli ologrammi siano iniziati!"
-Titolo: "Le persone che appaiono nelle nuvole sopra NY sono uno sguardo in PARADISO? O un'ALTRA DIMENSIONE?
Una bizzarra immagine sta diventando virale dopo che delle misteriose figure sono apparse nelle nuvole sopra New York"

"il misterioso fenomeno fotografato da un residente cittadino sembra mostrare un gruppo di figure umanoidi in uno spesso strato di nubi luminose."
- "Se guardiamo da vicino, possiamo chiaramente vedere una folla di figure umanoidi che sembrano osservare la città sottostante." (http://www.express.co.uk/news/weird/697092/Are-people-appearing-in-the-clouds-over-NY-a-glimpse-into-HEAVEN-Or-ANOTHER-DIMENSION -- trad. mia)


E ancora a proposito di fichi cittadini; guardate dov'è cresciuto questo:



Questo interessante esperimento ci insegna qualcosa sulla conformità comportamentale e il conformismo:

video
(a proposito di "pappagalli atteri")


Avevo intenzione di ri-farlo da qualche giorno, ma Joey Rocha mi ha preceduto, controllando il terrapiattometro di Youtube, che segna un nuovo eclatante traguardo, e condividendo la notizia su Facebook:


Trad.: "Terrapiattisti, abbiamo raggiunto un nuovo record. Le ricerche per la Terra Piatta su Youtube sono a 7.5 Milioni. WOW!! Stiamo vincendo!! Chee-hoo!!"

Come dicono a Honolulu, Chee-Hoo!

...E un'altra cosa ancora:


Che Fine Ha Fatto Enfant Bleu?

4 commenti:

  1. "Non ci riferiamo al "conflitto sulla striscia di Gaza, dove i residenti continuano a tirar sassi ai carrarmati Israeliani (made in the U.S.) e quelli dal canto loro non possono far altro che sparare, per autodifesa"

    "...parliamo di gente che succhia il prepuzio appena mutilato dei neonati, e nel contempo ci considera -testualmente- "inferiori alle bestie dei campi"..."

    "...in questo modo si 'mantiene' l'equilibrio perfetto del "nara-narayana" nei termini più efficaci possibili in un mondo governato dai simboli, e in cui non si costruiscono chiese e basiliche e cattedrali per Śiva o per Shakti, ma per un unico, singolo, mono-dio del quale eviteremo -per precauzione- di menzionare il nome."

    Queste sono perle assolute....e forse rischiose. Nello stato Orwelliano nel quale viviamo, lo psico-reato è già un dato di fatto.

    Per fortuna ci sono anche personaggi coraggiosi che vanno contro tutto questo, pur essendo "dei loro", come il Professor. Norman Gary Finkelstein o altri ragazzi dei quali non ricordo il nome che hanno caricato documentari MOLTO coraggiosi sul tubo....subito bloccati ovviamente. (appena torno a casa ti segnalo il titolo che ora non ricordo).

    Mi interessa molto l'argomento, non perché io sia un negazionista tout court, ma sono certo che la storia che ci è stata insegnata è tutta sbagliata (giusta per "loro") e quindi anche in questo campo vorrei saperne di più.

    Per esempio, anche se la qualità del narratore non è eccelsa, ho trovato interessante il seguente video:

    https://www.youtube.com/watch?v=1SMS1elV3JY

    Per quanto riguarda le presunte conoscenze degli antichi egizi, sospetto molto che siano in realtà "false" conoscenze molto medioevali, così come ri-calcolato e ri-sistemato dai cronologisti russi FOMENKO & NOSOVSKIJ (400 anni di inganni)....insomma, c'è veramente tanto da ri-considerare e La Questione Più Fondamentale Di Tutte, mi sembra un'ottimo punto di partenza, o meglio....

    ....mi ricordo che da bambino, uno dei miei giocattoli preferiti, era un barile con sopra una testa di un pirata, e sul lato di questo barile si infilzavano tante spadine di plastica colorate e chi faceva saltare la testa del pirata perdeva. Bene, diciamo che più argomenti sono già stati infilzati nel barile e La Questione Più Fondamentale Di Tutte è la spada più grande, ma in questo caso, se riusciamo a far saltare la testa del pirata, vinciamo noi, e facciamo saltare il banco del Monopoly.

    A presto =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Dar56, purtroppo conosco la storia, e per questo sarei tentato di chiamarla 'storiella', anche se di fatto -data la quantità, e non la qualità del materiale- è UNA storia, ed è quella raccontata dai 'vincitori'... Da quanto ho dedotto grazie alla mia prodigiosa (forse unica, a giudicare dai resoconti altrui) memoria onirica, sono stato probabilmente un pezzo grosso del Reich, in una "vita precedente" (o "lila"), questa è la mia unica giustificazione valida per alcune esperienze oniriche vissute in certi ruoli e su certi scenari malgrado io --cinefilo cronico-- abbia sempre disdegnate le pellicole guerresche, così come altre possibili "fonti di ispirazione" multimediali di sorta, che potrebbero averle "indotte"; questa possibilità spiegherebbe anche la mia assoluta convinzione sulla realtà dei fatti storici che ritengo completamente diversi da quelli insegnati nelle scuole, ma alla fine, anche accantonando le mie possibili 'ispirazioni subconscie', come ricercatore dotato di una discreta intelligenza (seppur misurabile solo per mezzo di tests estremamente stupidi=) tenderei ad escludere che coloro i quali adottarono l'emblema del Bene come bandiera del loro partito potrebbero effettivamente corrispondere al ritratto mostruoso dipinto dagli storici; è una sorta di "intuizione" che forse, e ripeto FORSE, potrebbe folgorare anche delle menti meno 'interessate' all'argomento, se soltanto fossero noti in primo luogo l'antichità estrema del simbolo, e il suo reale significato; ma in linea generale, è una di quelle cose talmente ovvie, che NESSUNO al mondo ci fa caso. Come un certa Grande Palla di cui sappiamo.
      A suo tempo mi ero avvicinato -cautamente- al lavoro di Fomenko&C., ma poi mi ero accontentato di un 'riassunto', dal momento che soltanto per comprovare le discrepanze si dovrebbe affrontare una ricerca simile a quella degli autori stessi, e in ogni caso, anche questa è "una" (altra) storia, si tratta solo di riconoscere all'autore una tale autorità da poterti convincere intimamente e in modo definitivo; io credo che sia più o meno impossibile stabilire alcunchè riguardo ogni possibile "tempo passato", e credo che la definizione più precisa sia quella data dal famoso regista (e illuminatissimo amico della NASA) James Cameron, che nel tentativo di ricostruire il (falsissimo) evento storico dell'affondamento del Titanic attraverso le vive memorie di chi era già in circolazione all'epoca, si ritrovò a constatare che il passato è una "allucinazione collettiva" (testuali parole); forse perchè è proprio così, e perchè noi viviamo sempre e soltanto Qui, e Ora. La mia impressione attuale è che probabilmente -semmai- sia più prossimo alla nostra "realtà cronologica" il calendario giudaico, e visto che parliamo di gente che, malgrado tutto, conosce molto bene la reale cosmologia di questo mondo, potrebbe essere un indizio degno di essere indagato... purtroppo non conosco un emoticon che esprima l' idea del sospetto, ti dovrai accontentare di questo =/
      e questo =)
      Grazie per il tuo intervento e a presto (come dico spesso al mio chirurgo plastico=)

      Elimina
  2. P.S.: vorrei proporti un esempio molto pratico della "presunta autorità" di cui ho scritto sopra, se soltanto avrai la pazienza di rileggere il post per intero e se sarai abbastanza acuto da individuare la correzione che ho appena apportata al testo... Nel caso accettassi, buona fortuna =)

    RispondiElimina
  3. P.P.S.: risparmiati l'addendum che ho appena aggiunto =) quello non conta

    RispondiElimina