Cerca su VerOrizzonte

sabato 3 giugno 2017

Mio papà guida un UFO

Ci sono molti modi di VEDERE LE COSE... come ci ricorda oggi Matthew McLoughlin:

Trad.: "Noi non vediamo le cose per come sono.
Vediamo le cose per come noi siamo."

Il principio è sempre quello in ogni caso: che NOI vediamo le cose.

Sembra che la cosa importante sia di guardarle, di tanto in tanto, per capire ciò che è possibile capire; che l'orizzonte è orizzontale, ad esempio... Che le costellazioni visibili nella parallasse sono sempre le stesse, da sempre. Che gli aerei che volano da un punto all'altro di questo piano terreno non devono fare a gara con una superficie che si muove a oltre mille all'ora per arrivare da qualunque parte; perché avrebbero già perso tutti in partenza... 
Non mi pare che questi siano concetti tanto complicati da risultare incomprensibili, nemmeno per un bambino di sei anni; e quindi, pensiamo a tutti quei poveri piccoli utenti scolastici che a quell'età vengono OBBLIGATI a imparare tutte le Grandi Palle Universali nel dettaglio, suddivise in "materie" come geografia, storia, etc.
Io credo che alcuni di noi si siano fatti un'idea precisa di come stavano le cose nel "mondo degli adulti" già allora, durante gli anni della nostra cattività scolastica, della tortura con le luci al neon, la convivenza forzata con altri piccoli prigionieri, e l'obbligo di ascoltare degli insegnanti e dei professori che imponevano una forma di autorità data loro dallo stesso stato che impone certi programmi scolastici, così come l'obbligo di farsi programmare.

Che razza di Cul-tura potrebbe crescere da queste basi? Molto ovviamente, sodomitica.

Intanto ho notato un raggio di Sole, là fuori... è tempo di prenderlo!!

--

Da MYSTICAL ORDER OF THE GNOSTICS:


Cosa sarà questo? Dèi vegetariani contro dèi carnivori?
Ma si direbbe che provengano tutti dallo stesso atelier...

Daniel Cartera chiede: "Cosa vedete?"


La mia risposta: "un mucchio di rottami...?"
Un altro garbato eufemismo.

--

Il doodle di oggi introduce la giornata festiva:

in cui si celebra la Res Publica Italiana; per il blogger non è un'occasione di giubilo quella in cui si fanno marciare le Forze Armate per le strade della capitale, il cui nome è sempre contrario di Amor.
Per dirla tutta, non sono nemmeno certo che noi si stia meglio governati da certa gente, rispetto ad un monarca, ma anche per questo mio dubbio non avrò mai una risposta certa.
Nulla è in grado di attenuare la mia repulsione istintiva per ogni forma di autorità.

Facebook mi ricorda che un anno fa ho condivisa questa image macro da Il Calendario dell'Orto:


Ciò che è il nostro "diritto di nascita", grazie appunto a certa gente, è soltanto l'obbligo di giocare a Monopoly ad ogni costo per tutta la vita, dopo quello subito durante l'infanzia, di imparare a farlo.
E questo non è ciò che considero un motivo di celebrazioni, in ogni caso.

La meme di Dhaval Rashmikant Rao ribadisce il concetto:


Trad.: "POLITICO - MOGLIE DEL POLITICO
- FIGLIO DEL POLITICO - ELETTORI"

E già solo il fatto che il "benessere" si possa rappresentare attraverso i mezzi della peggiore tecnologia di locomozione possibile e immaginabile, è per me un motivo di grandissimo imbarazzo.
Comunque sia, "chist'è o Paese D'o Sole", e sarà meglio approfittarne anche oggi. Perché quello è il nostro nutrimento principale, e non gli spaghetti, o la pizza.

--

Un'altra "coincidenza" di-mostrata da Richard Dawtry, di tipo geometrico:


ma immagino che sia sempre e soltanto una coincidenza... Come tutto il resto.

Ci sono molti modi di vedere le cose, tante quanti sono gli individui sulla Terra; se c'è un individuo che usa il cervello ("showing brains") nelle sue opere è Mr. David Lynch, che con la terza stagione del serial Twin Peaks a 25 anni di distanza dalla seconda, conferma la regola:


I quattro episodi visti finora online sono fra i prodotti più semplice-mente artistici visti negli ultimi anni, perché dalla serie originale a oggi sono accadute cose come Mulholland Drive e INLAND EMPIRE,  tra le opere cinematografiche di più alto -e altro- livello artistico mai prodotte, e grazie alla grande libertà di espressione ottenuta con la sua enorme fama Lynch può dar vita ad un nuovo puzzle multidimensionale e non-lineare che si direbbe un incubo avuto dopo aver vista la vecchia serie TV.

La premessa è che questa simbolica "scatola di vetro" ubicata in un magazzino abbandonato dovrebbe contenere -prima o poi- qualcosa che meriti l'attenzione di qualche settore dell' intelligence:


il suo ruolo simbolico è definito dallo spettatore pagato per osservarla, seduto su un divano a bere caffè proprio come farebbe nel suo salotto; ma le premesse metaforiche vengono puntualmente smentite per l'estremo disappunto dello spettatore pagato, e la più grande delizia di quello (che si presume) pagante.

Non credo che Lynch sia particolarmente ferrato in demonologia, ma nemmeno in psicologia, e pertanto la sua visione "naturale", che io ritengo onesta-mente artistica, appare anche abbastanza neutrale da permetterci di ri-conoscere archetipi irriconoscibili nella nostra realtà quotidiana con la più estrema facilità, come egli stesso consiglia, abbandonandosi al flusso audio-visivo, e senza domandarsi nulla in particolare, per ottenere delle grandi risposte;


ciò che lui (assieme al collega Mark Frost) cercava per sé, per proiettare la sua indagine sul male nel nuovo millennio, è ciò che troviamo noi in questo piccolo capolavoro frammentato e frammentario in cui i ruoli che fanno ormai parte di una tradizione della pop culture molto prossima al "cult" sono utilizzati come nuovi elementi del Gioco di doppi e multipli dall'autore, ormai più che maturo, pronto al ricovero; possiamo solo ringraziare Itzamna che non l'abbiano ancora rinchiuso, perché nessun altro sarebbe in grado di darci roba simile, e nella sua luminosa follia senile di glico-caffeinomane e tabagista egli ci offre degli indizi rivelatori inestimabili sulla nostra realtà, purtroppo a volte anche in senso letterale; e non mi riferisco certo alla lampada di Saturno accesa nella Loggia Nera...


La sua è un'opera trascendentale, proprio come la sua meditazione;

Ricordate l'espressione idiomatica Inglese, del "pensare fuori dalla scatola"...?

Dubito che se non ci fosse stato un "Twin Peaks" 25 anni fa oggi qualcuno guarderebbe questo.
Il "buon Dale" Cooper interpretato da Kyle McLachlan è particolarmente inquietante come "cattivo Dale":


ogni persona conosciuta allora rivela la sua natura di maschera, e ci accompagna in un trip delirante alla scoperta della mascherata; senza rinunciare ad un tocco ironico


La battuta più memorabile:


Trad.: "E' un mondo di camionisti."
...

"

per chi fosse interessato all'articolo, questo è il link;
e questo è il video:


Come ha notato Mr. D'avelletri, la "atmosfera" per quanto esteticamente pregevole di questo Giove, per amore della rima, non si muove; e condivido anche il parere del Sig. Miciano: questa roba non la vorrei nemmeno vedere.

Ma la NASA è inarrestabile; questa è l'"ultima" condivisa su Facebook:

"preparatevi per un ...carico di CGI"
La prima missione NASA verso il sole 
verrà lanciata nel 2018..."

Di recente ho sentito parlare della possibilità di una tecnologia "ufo" alquanto spartana, per cui i famosi dischi volanti avvistati a milioni dai terricoli non sarebbero altro che dirigibili rigidi in miniatura; un gas più leggero dell'aria annullerebbe quindi il loro peso permettendo velocità e manovre impossibili per i velivoli convenzionali. Ho la sgradevole sensazione che questo "mistero" sia stato progettato e diffuso a livello massivo per rimanere tale, e non solo a supporto della pallosissima cosmologia universalitaria, ma anche per tenere impegnate le menti di chi all'astronomia non ci pensa nemmeno, e preferisce le astronavi degli alieni

In effetti, il principio del dirigibile è tutt'altro che malvagio: se la giusta quantità di gas è in grado di contrastare completamente il peso della massa dell'aviogetto e del suo carico, la spinta necessaria per muoverlo è esponenzialmente inferiore a quella richiesta dai mezzi convenzionali, e in teoria le sue prestazioni sarebbero esponenzialmente superiori; l'unico grande problema del dirigibile, per cui l'idea fu accantonata, sarebbe stato il pericolo del gas altamente infiammabile; su Wikipedia leggiamo

"Dopo il famoso incidente avvenuto a Lakehurst (New Jersey), nel 1937, al dirigibile LZ 129 Hindenburg, tale mezzo cadde in disuso."

(Da allora, dei dirigibili in generale si è sentito parlare ben poco, mentre l'ingegneria aerea si è dedicata quasi completamente ai mezzi alati, che hanno il pessimo difetto di bruciare miliardi di tonnellate di gasolio all'anno; secondo un utente di Quora sarebbero grosso modo: "14250.5 barili di carburante al giorno" -- 1 barile = 119.240471 litri)

Sui "Presunti avvistamenti di UFO" invece leggiamo:

"Il fenomeno degli avvistamenti di UFO è divenuto un soggetto popolare nella seconda metà degli anni quaranta negli Stati Uniti."

Di mezzo c'è stata una guerra, durante la quale è sorto il "mito" degli UFO NAZISTI, che sarebbero stati sviluppati dal padre dei missili V-2 e futuro inventore dei Saturn, Wernher von Braun, assieme a centinaia o migliaia di scienziati "nazi" (termine ebraico per "danno") importati poi negli USA durante l'operazione Paperclip; chi si stupirebbe nello scoprire che gli enormi monumenti fallocratici lanciati dal '69 in avanti in mondovisione potrebbero non essere stati altro che dirigibili rigidi sparati in aria da potenti esplosioni controllate, non ha fatti i suoi compiti a casa.

Questa è a mio parere la versione più realistica dei fatti, e dal momento che dietro le quinte c'è sempre la solita gente, sarei portato a concludere che sia la stessa dietro il fenomeno ufo-logico, basato probabilmente sullo stesso principio del dirigibile, perfezionato dai programmi segreti dell'Esercito Imperiale. Un'altra 'rivelazione' di un altro principio talmente semplice e banale che in genere non viene nemmeno considerato.
Sarà perché tutte le realtà nascoste di questo mondo sono indefinitamente superiori a quelle note e diffuse a livello massivo, e di questo fatto abbiamo avuta notizia nei più svariati contesti durante questo blog, ma tenderei a concludere che anche il fenomeno "UFO" sia più o meno completamente artefatto, 

Sappiamo che Jim Morrison era figlio di un Ammiraglio della Marina USA, così come varie altre "stars" del cinema e della musica Americana, e non solo; ad es. il padre di Bob Marley era nei Royal Marines, e la lista dei "military brats" è lunga e probabilmente anche molto incompleta, perché una spintarella al pargolo talentuoso non viene mai negata agli alti papaveri delle Forze Armate, ma poi si può fare a meno di spargere la voce ai quattro venti...
Per questo, quando il leader del gruppo rockabilly horror The Cramps Lux Interior, al secolo Erick Purkhiser, cantava "My daddy drives a UFO" nella canzone Mystery Plane (del 1980) io mi chiedevo che razza di licenza poetica fosse quella, o se fosse invece qualcos'altro...
La (mia) traduzione del testo da Plirycs.com:

"Mio papà guida un UFO
Mi sgancia fuori e poi se ne va
Mi lascia su questo piano del mistero
Yeah, ma ritornerà ancora per me 
Ohhh sì che lo farà!

Ora non sono capace di identificarmi
Con questo mondo perciò non ci provo
I pezzi quadrati non entrano nei buchi tondi
Yeah non posso entrare in questi abiti
Ohh ohh no!

Mio papà è non-identificato
La mamma dice che sono comparso dentro
Ohh sembra un caso di toccata e fuga
Yeahh, ma tutto quel lavoro non è divertente
Oh oh per niente divertente!

Mio papà è diretto ancora verso casa
Yeah e mi prende da questo piano del mistero
Oooo forse se io vado moooolto lento
Mi lascerà guidare il suo UFO
Oh oh ohhh ragazzi!

Mio papà guida un UFO
Mio papà guida un UFO
Mio papà guida un UFO
U-F-O "

Pura e semplice follia psycho-billy, o pura e semplice verità? Difficile a dirsi, invero.


Ancora a proposito di sincronicità, ieri su Facebook si è postato questo:


Trad.: "Non vedete l'ora di vedere il lancio del dirigibile sputafumo SpaceX (e l'atterrraggio?) oggi!!!!
Un fasullo dirigibile cilindrico a "missile" con fuochi d'artificio?
I RAZZI DI SPACE-X NON SONO ALTRO CHE DIRIGIBILI A ELIO!!

...non potrebbero esserlo anche quelli made in NASA?!?

Qualcuno infierisce:



"SPACE-X STA PER LANCIARE
UN ALTRO DILDO NEL MARE"
(In Italiano è molto più poetico=)

Se volete la cronaca completa e dettagliata del lancio del dildo gigante di Space-x nel mare, la trovate qui.

Mamma Natura oggi mi ha offerto l'ultimo Calycanthus vivo su un intero albero di fiori morti:


e il piccolo Westie mi ha regalato un sorriso


per cui sono grato.

Nessun commento:

Posta un commento