Cerca su VerOrizzonte

giovedì 15 giugno 2017

L'Inferno di Molly

La tremenda profezie di Giuseppe Verdi, in questo ritaglio di Claudio De Marco:



assume tutt'altro significato agli occhi dell'aspirante respirariano.

Io credo che se qualcuno davvero "muore di fame", il fatto è dovuto essenzialmente ad una dieta inappropriata, e ne abbiamo un esempio cinematografico notevole, quello dell'attore di The Machinist di Brad Anderson (2004) Christian Bale, il quale perse oltre 28 Kg di peso per interpretare "L'uomo senza sonno"

http://www.dailymail.co.uk/news/article-2788520/typo-led-christian-bale-dropping-dizzying-60-pounds-skeletal-role-machinist.html

Per sua stessa ammissione, ottenne questo risultato mangiando una singola scatoletta di tonno al giorno e quindi una grave intossicazione (da mercurio), e non la scarsità del cibo, è la prima indiziata per i drammatici risultati che vediamo qui sopra. Di questo passo, probabilmente ci sarebbe rimasto secco in breve tempo; ma per esperienza so che il digiuno è miracoloso, e quindi paradossalmente avrebbe soltanto dovuto smettere di mangiare pesce inscatolato e contaminato per star bene di nuovo.
 Come leggiamo sul Daily Mail, l'attore ri-prese il suo "peso forma" -che per la cronaca era quello di Batman nel film Batman Begins (2006) - abbuffandosi di pizza e gelato... Forse in effetti costui è un super-eroe, e questo spiega come sia sopravvissuto a simili trattamenti.
Però mi è antipatico lo stesso.

L'amico Michael Davino è attanagliato da un dubbio condiviso da molti altri utenti americani del web "complottistico":


Trad.: "A un sacco di gente questo non piacerò ma dev'essere detto.
Io ricordo Alex Jones nel 1997 e prima ancora, e oggi non è lo stesso tizio."
(Trad. mia)

Certo il tempo cambia la gente in molti modi, ma a prima vista non si direbbe proprio la stessa persona; il fatto è che simili strategie sarebbero impiegate appunto per la riproduzione o sostituzione di personaggi influenti in qualunque settore dell'intrattenimento umano; a nessuno importa di sostituire un negoziante o un professore di matematica, malgrado la loro posizione insostituibile nel tessuto sociale, perché la loro persona non è nota e la loro parola non è quindi automaticamente presa per buona, come succede in genere per le "celebrità", come gli attori o gli uomini politici alla stessa stregua. In ogni caso, si è parlato e si discute ancora del famoso, ampiamente sponsorizzato "caso McCartney" e della sua possibile morte; il popolare cantante non ha mai ammesso di essere stato sostituito ma noi dobbiamo ammettere che, se lo fosse mai stato, preferirebbe non rivelarlo al pubblico; o almeno questa è la mia intuizione =).
 E' strano che questo tema ritorni per vie traverse attraverso il post di cui sopra, dopo aver menzionato ieri il film Dark City, riguardo una possibile, ignota attività "di controllo" notturna, mentre questo rimanda al vecchio classico "Invasion of the body snatchers" (1956) di Don Siegel, "Nato a Chicago, nell'Illinois, il 26 ottobre del 1912 da una famiglia ebraica," (Wikipedia).

Ricordiamo tutti la trama del film, dove gli abitanti di una cittadina della provincia americana vengono sostituiti da "cloni" identici in tutto e per tutto alle loro controparti umane, nel tentativo di occupazione del "pianeta Terra" più efficace della lunga serie, cioè prendendo posto direttamente in una "stampa 3-D" organica che raffigura un indiviDuo già inserito nella società, in qualunque ruolo; di sostituire la sua persona, e insomma, di indossare la sua maschera, comprensiva di tutte le caratteristiche corporee che la rendono unica e riconoscibile.
 E' interessante per noi notare che nel film la morte dell'originale umano avveniva contemporaneamente alla nascita dello "ultracorpo" (o, come lo si potrebbe definire oggi, "ultraclone") mentre l'umano giaceva in uno stato di incoscienza simile ad un sonno profondo; nessuno li uccideva, e non di meno essi morivano, quasi che la cosa fosse naturale...

Ma certo, è soltanto un film, tratto da un best-seller di fantascienza. Soltanto un altro tentativo riuscito di sviare l'attenzione dalle realtà "metafisiche" da cui possono sorgere simili fantasie più o meno 'scientifiche' , nell'immenso mercato dell'intrattenimento multimediale, delle armi di distrazione di massa che non lasciano scampo all'utenza multi-mediata, sommersa di informazioni da ogni dove, dal flusso incessante del mainstream come di un maelstrom che la mantiene sul fondo.

L'unica mia certezza in materia di clonazioni e/o sostituzioni di persona, è che al contrario dei films e dei libri non avrebbe senso sostituire un agente delle assicurazioni o una badante, per qualunque scopo possibile, rispetto ad un conduttore televisivo o un uomo politico e pertanto simili eventi di cui abbiamo soltanto i sospetti più o meno validi del pubblico, riguardano un tipo di personalità, quello che è appunto comunemente detto "personalità", un "personaggio pubblico", non è quella sfera in cui gravita la stragrande maggioranza dell'utenza, bloggers compresi.
A me Alex Jones sembra un Gran Fanfarone, particolarmente fastidioso anche per i suoi modi e la sua parlata gutturale, e sospetto che anche sia un "disinformatore" di prima categoria, ma le mie impressioni non sono derivate dal sospetto che egli sia un "sosia" poco somigliante chiamato Bill Hicks... Che come il primo, non ho mai conosciuto di persona.
Io non ricordo Mr. Jones nel '97, o nel 2007, e da allora ho anche preferito non ricordarlo affatto, ma il mio intento era quello di accennare a questo argomento relativamente ignoto anche nella videosfera telematica italica. 
E' sempre in virtù della mia "scienza onirica" che menziono questo argomento; l'umanità non è ciò che crede di essere, in senso universale, ma nemmeno indiviDuale. O "personale"; il che già per chiunque conosca l'etimologia del termine, rivela la più incredibile "realtà" di questo "sogno persistente".


Sempre di Michael Davino questa alternativa alla infame Piramide Alimentare, da vegan-raw-diet.com:


Trad.: "PIRAMIDE DEL CIBO CRUDO
In cima: oli pressati a freddo, lievito nutrizionale,
Erbe, microgreens, alghe, crescione 
>> CIBI MEDICINALI - DA MANGIARE CON PARSIMONIA
Al secondo posto: Frutti a guscio, semi di lino e di canapa
Germogli & Legumi >>
PROTEINE, AMMINOACIDI - DA MANGIARE CON MODERAZIONE
Alla base: Frutta e verdura, piante a foglia larga 
>> CIBI FONDAMENTALI - DA MANGIARE GENEROSAMENTE"

Io direi che tutta la parte superiore a "frutta e verdura"si può considerare già abbastanza "particolare" da richiedere la scelta ragionata del singolo soggetto, per il singolo pasto; e questo può valere come regola generale, per ogni singolo "pasto" di ognuno di noi, ma già il concetto di "pasto" come sinonimo di cerimonia di intossicazione rituale, è un cambiamento di prospettiva che potrebbe modificare le nostre abitudini quotidiane, e con esse l'intero sistema sulle quali sono basate. 
--- Lo stesso della Grande Palla Di Terra.---

Dopo la mia apocalisse pranica, qualunque discorso che riguardi la nutrizione è per me riferito a questo tipo di realtà, che completa il quadro dell'Impero del Falso: dopo il fondamento costituito dalla teoria eliocentrica, lo sfondo di una realtà bio-logica del tutto fittizia, non semplicemente mistificata o manipolata, ma campata in aria, come tutto il resto.

Anche oggi delle piante a foglia larga, lattuga e rucola consumate crude sono state gli ingredienti principali della mia dieta, assieme a qualche ravanello e qualche frutto. E devo dire che fra tutte le intossicazioni, escludendo quelle che si definirebbero propriamente 'somministrazioni' in luogo di 'pasti' (come la mia celebre Zuppa Contro il Raffreddore), e la gran parte dei vegetali che non sono semplicemente "foglie", delle specie più disparate, questa si potrebbe definire la meno peggiore.
C'è qualcosa di meglio? ...Nulla, appunto. 
Questa è la meta finale.

La mia Zuppa Contro il Raffreddore è a base di acqua, sale, zenzero, aglio, cipolla, peperoncino di caienna, aceto di mele, un goccio di olio e una abbondante macinata di pepe nero. 
E' piuttosto saporita, e funziona.

La mia dipendenza floreale trova come sempre un epicentro nella Regina del Giardino


la più soave delle creature viventi; a proposito di dipendenze, per me è divenuto improvvisamente chiaro il motivo della mia sempre viva attrazione per l'Oleandro, che è il contrario del balsamo psichico della Rosa, una vera e propria intossicazione olfattiva


E del resto, perché sono divenuti tanto popolari? Per la loro bellezza?  Tutti i fiori sono "belli"...
Su Wikipedia leggiamo
"L'oleandro è una delle piante più tossiche che si conoscano. Tutta la pianta (foglie, corteccia, semi) è tossica per qualsiasi specie animale"
Sembra paradossale che uno degli arbusti preferiti dai giardinieri sia anche uno dei più velenosi... 
Ma cosa non sembra paradossale, a ben vedere?



"Proprietà della lavanda


fiori della lavanda sono utilizzati in fitoterapia per le numerose proprietà dovute alla presenza dell'olio essenziale (linalolo, acetato di linalile, limonene, cineolo, canfora, alfa-terpineolo, beta-ocimene), tannini, acido ursolicoflavonoidi e sostanze amare. Questi principi attivi conferiscono alla pianta azione sedativa e calmante sul sistema nervoso, da utilizzare in caso di ansia, agitazione, nervosismo, mal di testa e stress e insonnia.
La lavanda svolge anche un'azione balsamica sulle vie respiratorie per questo è impiegata efficacemente nel trattamento di tutte le malattie da raffreddamento: influenza, tosseraffreddore e catarro.
Inoltre la pianta, limitando la formazione e soprattutto il ristagno di gas a livello gastro-intestinale, possiede proprietà carminative e antispasmodiche in quanto calma dolori e gli spasmi addominali e aiuta a distendere la muscolatura del ventre.
La lavanda è un calmante nervino e antispasmodico molto usato nella causa delle vertigini, delle emicranie e dei dolori nervosi di testa. 
Per uso esterno vanta proprietà detergentiantinfiammatorieanalgesicheantibatterichecicatrizzanti e decongestionanti. La pianta è utilizzata per detergere ferite e piaghe; per alleviare il prurito e le punture di insetti; e per ridurre le irritazioni del cavo orale. In ambito cosmetologico viene usata l'olio essenziale di lavanda come profumo."
(Per altre informazioni, modalità e precauzioni d'uso: http://www.cure-naturali.it/lavanda/3174)


Le due piante sporgono dai cancelli della stessa strada in cui oggi ho fotografato questa:


una visione quasi surreale

Questo mi riporta inevitabil-mente al "profumo soave per le narici del Signore" di Israele, menzionato poc'anzi, il quale chiedeva certi animali particolari di cui si dovevano bruciare completamente (olo-causte) le varie parti, in una sorta di menù gassoso; cosa potrebbe esserci di "vero" in questo ennesimo particolare ripugnante delle scritture sacre ai Gentili, è uno dei miei tanti annosi interrogativi. Ma potrebbe esserci del vero, per la qualità "trascendenti" dell'olfatto, e della composizione "eterea" che ne costituisce la nostra realtà concreta e sensuale, con un procedimento tanto sofisticato da avere anche una "teoria del tunnel quantico" per spiegarla. Il "profumo" è qualcosa che in qualche modo trascende i limiti convenzionali del pensiero logico, e ne abbiamo coscienza immaginando come potremmo descrivere il profumo di un fiore, se non richiamando alla memoria altri profumi simili; e non esiste il profumo di un fiore uguale ad un altro; persino le Rose nei vari colori sono estremamente diverse fra loro.

L'olfatto è forse il senso più sottovalutato, nell'era degli ossidi di carbonio e di zolfo sospesi nell'aria che respiriamo, ma la sua importanza non è limitata alla aromaterapia, né al mondo "cosmetico" (pure basato sull'intossicazione) delle essenze rare vendute a peso d'oro dai profumieri, e tanto meno a quello eno-gastronomico, dove il profumo è l'esca irresistibile della bevanda tossica come del cibo, ed è noto che il cibo crudo sia indefinitamente meno attraente, per i nostri nasi urbani sovraccarichi , di quello cotto.


Vale la pena di incollare qui questo ritaglio wikipedico, dalla voce Ayurveda:

"

I dosha

Secondo l'Ayurveda il corpo fisico è pervaso da tre dosha (energie vitali) in proporzioni diverse. Questi determinano tramite il loro stato di equilibrio o squilibrio rispetto alla costituzione individuale (prakriti) lo stato di benessere o malattia dell'individuo. Ogni dosha è composto da due elementi (panca-mahabhutani) ed ha determinate qualità (guna) che li caratterizzano.
I tre dosha sono:
Vata
composto da spazio (akasha) e aria (vāyu), è il principio del movimento, legato a tutto ciò che è movimento nel corpo (sistema nervoso, respirazione, circolazione sanguigna, ...). Le sue qualità sono: freddezza, secchezza, leggerezza, sottigliezza, mobilità, nitidezza, durezza, ruvidezza e fluidità. La sua sede principale è il colon ed i suoi 5 sub-dosha sono: Prana, Udana, Samana, Apana e Vyana.
Pitta
composto da fuoco (tejas) e acqua (jala), è il dosha legato alla trasformazione, alla digestione intesa sia a livello fisico (stomaco, fuoco digestivo detto anche agni) sia a livello mentale (elaborazione delle emozioni). Le sue qualità sono: caldo, untuoso, leggerezza, sottigliezza, mobilità, nitidezza, morbidezza, levigatezza, chiarezza e fluidità. La sua sede principale è l'intestino tenue ed i suoi 5 sub-dosha sono: Pacaka, Ranjaka, Sadhaka, Alochaka e Bhrajaka.
Kapha
composto da acqua (jala) e terra (prithvi), è il dosha legato alla coesione, al tener unito, è proprio dei fluidi corporei, lubrifica e mantiene il corpo solido ed uniforme. Le sue qualità sono: freddezza, umidità, pesantezza, grossolanità, stabilità, opacità, morbidezza, levigatezza e densità. I suoi cinque sub-dosha sono: Kledaka, Avalambaka, Bodhaka, Tarpaka e Slesaka.
I dosha consentono di classificare le tendenze psicofisiche presenti nel corpo e le disfunzioni che ne possono derivare. Secondo l'ayurveda le patologie nascono quando si vengono a creare degli squilibri nei dosha (vikriti); l'individuazione degli squilibri in un dosha, corrispondente alla diagnosi, conducono a trovare i rimedi per ristabilirne lo stato di equilibrio individuale (prakriti) e quindi la guarigione. Le principali cause di squilibrio dei dosha sono tre:
  • il prajna-aparadha, ovvero l'errore dell'intelletto che si concretizza nel ripetere azioni e mantenere atteggiamenti che, pur sapendo intrinsecamente sbagliati, vengono perpetuati in nome di desideri o pulsioni materiali;
  • il kala-parinama, ovvero le oscillazioni dei dosha all'interno del giorno, delle stagioni e della vita;
  • l'asatmyendriyartha-samyoga, ovvero l'errato uso dei sensi, intendendo con questo un uso improprio in eccesso o difetto dei sensi.

"
Vediamo quindi che "la medicina tradizionale utilizzata in India fin dall'antichità" condivide alcuni principi fondamentali della medicina ippocratica, completamente seppellita invece da chiunque abbia fatto un "giuramento di Ippocrate", in favore della "teoria dei germi" e delle più svariate cause e "cure" per il boom di "cancri" diagnosticati più o meno onestamente nell'epoca moderna, rispetto ad ogni epoca precedente la proibizione della canapa... (Nessuno ci ha fatto caso... ??!)

Ora, prendiamo l'esempio dell'Ayurveda, la medicina tradizionale del Veda ("conoscenza rivelata" secondo Wikipedia): 
"Le origini storiche dell'ayurveda si perdono indietro nei millenni, a un'epoca precedente al ritrovamento di documenti scritti che certifichino la sua esistenza. È opinione condivisa che, come per molte altre tradizione ed opere, anche per l'ayurveda e per i Veda in generale ci sia stata una capillare diffusione orale prima della sistemizzazione in forma scritta che cominciò ad avvenire con una serie di trattati a partire dal 450 a.C. circa. La testimonianza di Faxian, un pellegrino buddhista arrivato nel V secolo d.C. nella città di Pataliputra, è una delle più antiche descrizioni al mondo di un sistema ospedaliero civico e fa pensare che l'India possa essere stato il primo paese al mondo a sviluppare un sistema metropolitano organizzato di assistenza medica su base istituzionale[6]."

Per quale motivo i principi di questa "conoscenza rivelata" si sarebbero preservati nel corso dei millenni, tramandati in forma orale e trascritti e praticati quotidianamente, se non fossero stati tutti efficaci in primo luogo? E dunque perché dobbiamo distinguere un "ayurveda" Indiano da una "medicina" che è in gran parte derivata e (d)evoluta dai principi importati da simili culture più avanzate, all'epoca dei "pionieri" dell'arte medica? 
Ci ricorda ancora Wikipedia, Ippocrate stesso scrisse il Principio della dottrina ayurvedica dei dosha:

'Lasciate che il cibo sia la vostra medicina e la vostra medicina sia il cibo'

Non fa una grinza, tranne: ogni "medicina" (pharmakos) ha degli effetti collaterali.
E un effetto collaterale a lungo termine del mangiare, in generale, si direbbe essere la morte.
Quanto "lungo" sarà questo termine?


"Via WCPO - 9 On Your Side: Scienziati collegano il mangiare patate fritte due o più volte 
alla settimana con un rischio superiore di morte. Può l'acrilammide, un composto 
chimico che viene rilasciato cuocendo eccessivamente i cibi ricchi in carboidrati, 
essere il colpevole? Altre Informazioni: http://bit.ly/2sfgnwg" (Trad. mia)

Io non ho ancora mangiata la mia porzione di patate fritte, quest'anno; e forse non lo farò.

Trad.: "Papa Francesco dice che i Cani possono andare in paradiso
- Questa storia è qualcosa di cui dovreste essere contenti, perché
secondo Papa Francesco gli animali possono andare in paradiso,
dopo tutto. "

(http://doggiescare.com/pope-francis-says-dogs-can-go-to-heaven/?utm)

Non siamo tutti un po' più contenti, adesso?


E' un mondo da favola...

Andate a dirlo alla mia amica Molly, di razza Samoiedo:


per lei ogni estate qui è un inferno

9 commenti:

  1. Simile a Dark City è il manga futuristico Blame!
    Possono essere benissimo paragonati !
    Altro titolo molto interessante , l' anime Ergo Proxy .
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'informazione, li cercherò online =) a presto

      Elimina
  2. Riguardo al "Signore di Israele" da te menzionato può esserti utile questo link: https://maurobiglino.it/2014/03/yahweh-grasso-bruciato-fumo-e-alcol/
    Per il resto grazie dei tuoi post sempre molto interessanti. Buon proseguimento e buona Vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Andrea, non mancherò di segnalare l'articolo dell'"esperto", che come dice l'amico WakeUp si dichiara massone... e non solo >http://www.avotaynu.com/csi/csi-home.htm ... ma i suoi indizi sono comunque validi anche per noi. A presto

      Elimina
  3. ricordiamoci che Mauro Biglino ha pubblicamente dichiarato di essere massone... chissà cosa deve propagandare al "gentile" pubblico pagante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chissà... io sarei pronto a scommettere che non si tratta di "verità"...

      Elimina
  4. ho letto biglino..chi pubblica per la mondadori non può esser fuori dal sistema..ricordiamoci che all'interno delle lobby ci sono varie correnti anche in conflitto fra di loro (ovviamente tutte sulla nostra pelle..),il successo crea business e tutto ciò viene incamerato dai 'fratelli', se vuoi sopravvivere devi scendere a compromessi se no fai la fine di molti che han cercato di non farne parte o di uscirne(evito di citare nomi famosi)..anche nei suoi libri bisogna intuire le mezze verità dai depistaggi..in teoria potrei sospettare anche della tua simbologia 'oculare'..=)=)=)!!

    RispondiElimina
  5. e comunque c'è sempre una piramide anche nell'alimentazione..che sia proteica o vegetariana sempre di piramide si tratta..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti, la piramide è sempre quella, e rappresenta sempre la stessa idea... Biglino per me è decisa-mente uno shill, un disinformatore sponsorizzato dai suoi 'avversari' biblici... è sempre e comunque propaganda per il loro prodotto. Grazie per l'intervento, a presto (cosa che si potrebbe dire ad un chirurgo=)

      Elimina