Cerca su VerOrizzonte

lunedì 8 maggio 2017

Filosofia Sconosciuta

Dobbiamo sempre ricordare che a questo mondo esiste il Rondone Arboricolo Crestato (Hemiprocne coronata) che "In volo ricorda più una rondine che un rondone, ma non è affatto imparentato con questi uccelli." (Wikipedia)
La foto è condivisa su Facebook da Hafid Ennaciri:


e questo è un ritratto su Wikimedia:



Quando si parla di evidenza: Samuel Trovão scrive su TETs TRUTH TUBE:


Trad.: "Google Earth 60 Km (37 miglia)
Razzo amatoriale 120 Km (74 miglia)"

"La curvatura non esiste nella realtà perché la Terra non è un globo. 
Video del razzo: https://www.facebook.com/aterraeplana/videos/825684424250873/"

Questo è il video:

video


Nuovi indizi importanti da una fonte Italiana:

Giacomo Radice shared a link to the group: SVEGLIA FRATELLI :

L'articolo di Popolo Unico va letto con attenzione, per conoscere nel dettaglio la sorte dell'Utente Nominale a partire dalla sua registrazione alla nascita; come abbiamo visto qualche tempo fa, su Wikipedia "
  • Corporation - termine inglese che viene utilizzato per indicare grandi imprese multinazionali"

mentre sul Wikizionario la definizione è:

"corporation f sing
  1. (forestierismo)(diritto) persona giuridica
  2. (economia)(commercio)(finanza) soprattutto nei paesi di lingua ingleseazienda di grandi dimensioni"

Su Popolo Unico l'articolo si apre con queste parole:

"Nel momento in cui i nostri genitori, in genere nostro padre, va a denunciare la nostra nascita presso l’ Ufficio Anagrafe/Stato Civile, accade qualcosa! All’ insaputa dei nostri stessi genitori, viene creato per noi un nome a CARATTERI MAIUSCOLI  che viene menzionato come “uomo di paglia ” o “finzione giuridica” o “soggetto giuridico”

Che potere ABBIAMO sul nostro soggetto giuridico?
NESSUNO, NE SIAMO SOLTANTO VITTIME!"
In un'ottica meno particolare, che travalica i confini della legislazione, questa è una affermazione di cui possiamo riconoscere la validità in ogni aspetto della nostra vita; siamo nati in una certa famiglia, cresciuti in un dato luogo, siamo stati assoggettati da subito ad una determinata logosfera, ammaestrati e programmati per svolgere precise funzioni sociali, attraverso il processo D'istruzione, e quale che sia stata la nostra 'libera scelta' di cittadini in merito alla nostra carriera pro-fessi/onale, alla fine ci ritroviamo tutti qui a giocare a Monopoly per il resto della nostra esistenza: in questo mondo-di-parole ci occorre solo una "R", per poterne fare una R-esistenza.....

Dunque, non si tratta soltanto del nome del personaggio (giuridico), ma dell'intera messinscena che lo rende da subito protagonista di un evento catastrofico, perché è con una catastrofe che si scioglie il dramma, al termine del Terzo Atto che per noi è una "età"; il "primo" di quattro atti nel teatro Classico era la protasi, ovvero una presentazione che comprendeva l'invocazione delle Muse; ovviamente si tratta di roba pagana, oggi si invocano santi e madonne all'inizio di ogni atto (non-legale) ma il sistema religioso nazionale è mono-teistico, e che ci crediate o meno l'unica deità ufficiale autorizzata della religione di Stato è di origine Israelita.

Teniamo in considerazione anche questo; più che mai il blogger, etichettato alla nascita con il titolo di una corporation che comprende il nefasto nome della divinità giudea, si ritiene enormemente gravato da una simile eredità, a tal punto da avere adottato il nome di un corvide, pur di scampare alla propria maledizione personale almeno nella videosfera. Ma al di là del caso personale, tutti noi "cristiani" siamo stati schedati da subito nei registri ufficiali, quali corporations che sono entrate a far parte dei vasti possedimenti di Madre Chiesa, La Più Grande Holding Company Della Storia; il nostro nome identifica la persona singolare, e noi ci identifichiamo con esso, non soltanto in ambito giuridico, burocratico, ma come parole nel mondo delle parole; non è soltanto una questione pratica (di pratiche), relativa alla mera possibilità di riconoscere qualcuno attraverso i suoi "dati anagrafici", ma è anzi soprattutto una questione di coscienza, per cui l'individuo appartiene al proprio codice nominale, almeno quanto esso gli appartiene. Rimando il mio lettore al capolavoro pirandelliano, Il fu Mattia Pascal, come straordinario esempio letterario del concetto di una esistenza de-terminata dal nome del protagonista, e dai possibili cambiamenti che conseguono a quello del nome stesso.

Avendoci battezzati con i nostri nomi, i nostri codici identificativi all'interno della logosfera, i preti di Babilonia possiedono "simbolicamente" la nostra "coscienza", ovvero la "anima" viva e cosciente dell'utente nominale; ma i "simboli" del caso sono appunto le lettere dell'alfabeto che compongono nome e cognome, ovvero gli stessi codici che fanno di noi delle corporations in ambito legale, e quindi è chiaro che non si tratta di sciocche superstizioni popolari, ma dei fatti più personali, e dei valori più reali possibili in una dimensione costituita di parole.

Riguardo la nostra reale id-entità che costituisce il Grande Mistero umano, per cui l'unico vero insegnamento è il motto misterico: "Conosci te stesso", in quanto psiconauta di lungo corso sono pronto a ri-conoscere il valore di ogni esperienza "psichedelica", così come in primo luogo ritengo l'onirologia una scienza fondamentale, e (quindi) molto sottovalutata nel mondo moderno; difficilmente si potrebbero ottenere degli "aruspici", auspici o figurazioni simboliche di eventi attuali a livello collettivo, mentre il "sogno" interessa avvenimenti presenti e futuri che si possono in qualche modo ricollegare allo stato di veglia del sognatore singolo, e nel corso di questo blog ho ri-conosciute queste qualità profetiche dell'esperienza onirica in diversi casi (l'ultimo, riguardante la "trappola del cibo", in merito alla dieta pranica) che all'epoca della visione erano assolutamente incomprensibili e inaccessibili nella loro figurazione simbo-logica.

Come ho già scritto in proposito, oggi sono meglio disposto a confidare nell'apparente assurdità dei sogni, di cui ho ri-conosciuto il valore a lungo termine, che non nella apparente logica delle informazioni provenienti da chiunque "altro" che al contrario, in generale, tendono a rivelarsi nel corso del "tempo" fallaci e/o assurde, e certo non è il caso di insistere su questo punto, nel contesto di un blog dedicato al geocentrismo e alle Grandi Palle eliocentriche.
Abbiamo visto come la scienza, con tutte le sue svariate ipotesi, non sia in grado di spiegare perché noi si dorma in primo luogo, figuriamoci riguardo le attività cerebrali e mentali (le quali richiedono un gran dispendio di energie apparentemente ingiustificato) che si svolgono durante questo stato "inspiegabile" del nostro essere, e infine -peggio che andar di notte- sui significati di queste esperienze che vengono distinte arbitrariamente dall'uomo, che non sa di stare sognando quando è convinto di avere il controllo delle proprie azioni, pur essendo del tutto incapace di rispondere alle domande più fondamentali che riguardano la sua esistenza Qui e Ora, a partire dal "perché". 
Con tutta la nostra millenaria cultura, con un patrimonio letterario immenso da cui attingere, dopo innumerevoli generazioni di Grandi Pensatori che si sono succedute da Est a Ovest, al di fuori della logosfera Tradizionale (ergo, esoterica) non abbiamo avuta una singola risposta che somigli vagamente ad una certezza, e come ho ribadito più volte non abbiamo altro vero insegnamento oltre quello misterico, che può interessare ognuno di noi, ma non tutti; il motto infatti recita "conosci te stesso", e non "conoscete voi stessi", perché quest'ultima è un'impresa del tutto impossibile, almeno quanto è ardua per chiunque la conoscenza di sé.
Soltanto chi pone le domande più importanti e dà vita ai dilemmi più profondi, è meritevole di un posto speciale in questa sorta di anti-cultura fondata sull'incertezza, l'ignoranza e il dubbio.

Quando si dice "credete nei vostri sogni", in genere ci si riferisce ad un senso lato del sogno come 'progetto' o 'speranza'; nessuno dice di credere letteralmente ai propri sogni quali esperienze oniriche vere e proprie, in primo luogo perché i libris somni sono le opere letterarie più rare, e la chiave della loro lettura è di proprietà esclusiva del sognatore; nessuno scrive i propri sogni al risveglio, e queste memorie estremamente effimere della nostra esistenza su un altro "piano" sono destinate a svanire, come si suol dire, come i sogni all'alba, privando così l'umanità del mezzo più diretto e dell'unico medium che ci permetta di osservare l'infinito potere creativo delle nostre menti, e la sottile differenza tra la vita notturna e quella diurna. La psicanalisi, soprattutto grazie al supporto del cocainomane psicopatico giudeo represso Sigmund Freud, ha diffusa un'altra menzogna disastrosa presso il Gentile Pubblico Pagante, con le interpretazioni "convenzionali" e prosaiche (relegate per lo più alla sfera sessuale) di esperienze che al contrario sono a malapena comprensibili nel loro insieme, come attività mentali e neuro-cerebrali indipendenti dalla volontà e dal falso-controllo della nostra 'coscienza' (o incoscienza controllata), mentre queste visioni sono un accesso diretto e immediato alla nostra reale realtà, e alla vera verità, per cui ciò che viviamo di giorno non è diverso da ciò che sogniamo di notte, se non per le sue qualità formali, la più estrema illusione determinata dal concetto del tempo e dello spazio nella sfera 'cosciente', della persistenza rispetto alla caducità, e della solidità rispetto alla inconsistenza. Entrambe, sono le illusioni a cui siamo assoggettati Qui e Ora, e che de-finiscono i confini più oppri-menti della nostra condizione esistenziale sulla Terra, lo strumento più efficace di māyā per ingannare tutti su tutto, e non da ultimo sono il fondamento più solido del mito della morte, su cui è stato fondato ed è sorretto l'Impero Del Falso, poiché la consapevolezza della illusione spazio-temporale che viene considerata a tutti gli effetti "la realtà" dagli abitanti di questo mondo è il primo passo verso una liberazione dello spirito che segnerebbe la fine dei commercianti di anime rappresentati dai ministri del culto Babilonese,

Leggiamo a proposito queste parole di Louis-Claude De Saint-Martin (“Le Philosophe Inconnu”) nella traduzione Inglese di MAN: HIS TRUE NATURE & MINISTRY, di Edward Burton Penny, da me tradotte qui di seguito:

"La natura non è materia
Ma la natura è altra cosa, diversa dalla materia; è la vita della materia; possiede un istinto e una sensibilità differenti dalla materia; percepisce il proprio deterioramento, e geme per la propria schiavitù. Pertanto, se gli uomini perduti si accontentassero soltanto di rendere sé stessi natura, non avrebbero dubbio sulla loro degenerazione; ma essi si fanno materia: e l'unica torcia che rimane loro a guidarli, è la cieca insensibilità e l'oscura ignoranza della materia."

(http://www.hermetics.org/pdf/MAN_HIS_TRUE_NATURE_&_MINISTRY.pdf pag. 27)

Sono ormai convinto che il cibo sia la trappola più irresistibile, anche quando non contiene cannabinoidi o pseudo-oppiacei. E poi c'è chi mi regala il Cicorino dell'orto e la Selene del giardino e i fiori di Erba Cipollina...


Forse in effetti ci nutriamo dei colori

(pranzo domenicale)

e delle emozioni che mangiamo, più che di qualunque sostanza.
E questa mia ipotesi peggiora infinitamente la condizione dell'utente sarcofago.

Questa è stata la mia colazione di ieri:


bisogna ammettere che quando un cibo tanto profumato e delizioso spunta proprio all'altezza del tuo naso lungo la tua strada, sembra proprio un invito della Natura a credere nella sua immensa bontà...
E io ci casco ancora!


Intanto le Amarene maturano in piazza...

Ma quello che chiamavano "caldo", che fine ha fatto?

11 commenti:

  1. Cit. "Ma quello che chiamavano "caldo", che fine ha fatto?"

    Chiedilo a loro:

    http://www.tankerenemy.it/2017/05/come-sono-cambiate-le-previsioni-del.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono convinto che l'intero sistema climatico sia completamente controllato come tutto, 'scie' o non 'scie'... quindi la mia era una domanda 'retorica'... credo che tu mia abbia già segnalato il link, perché avevo già letto l'articolo in questione, ma ti ringrazio comunque a nome dei lettori che non l'avevano ancora fatto =)

      Elimina
    2. io sono convinto che l'aria che tirava vent'anni e più fa sensa scie e onde elf, era un altra aria e un altro cielo... che fosse artificiale o meno era più "naturale" per la nostra "natura umana" e ci faceva stare bene... ora tutto ciò non esiste più...a volte sto male a vedere quella luce accecante bianca filtrata dal pulviscolo chimico metallico che taglia le migliori frequenze del sole nei nostri confronti

      Elimina
    3. ti sembrerà strano, ma ricordo quel cielo "pulito" come se appartenesse ad una vita precedente...in particolare ricordo formazioni nuvolose diverse, che ammiravo da ragazzino (sono sempre stato affascinato dalla nubi) e che oggi vedo solo nei vecchi films; se l'argomento ti interessa facci caso, direi che la cosa ha iniziato a farsi evidente verso la metà degli anni '90

      Elimina
    4. le prime irrorazione di massa in larga scala furono denunciate in canada nel 1998... ma tali esperimenti con scie ci sono sin dagli anni '50/'60 e il gran maestro Walt lo sapeva naturalmente:

      https://www.youtube.com/watch?v=2lr0cR8pwL0

      Quando vedo i vecchi film (non ancora manipolati digitalmente con falsi cieli metallici ed irrorati) a volte piango vedeno quei cieli blue intensi e con bianche nuvole da bel tempo che facevano parte della mia infanzia e adolescenza dei bei pomeriggi passati a giocare all'aria aperta, beccandoci anche quei bei temporali estivi dove tutto profumava quando tornava il sole e l'aria ionizzata ed ossigenata...

      Attenzione che ora molti vecchi film vengono ridigitalizzati con cieli chimici attuali per riscrivere la storia...

      Elimina
    5. vuoi dire che nelle famose scene di Spartacus le scie sono state aggiunte... ? Non avevo valutata questa possibilità.. molto possibile, devo dire.

      Elimina
    6. non ho visto spartacus in digitale, ma ho visto moltissimi vecchi film in cui si vede persino ad occhio nudo che certi cieli anche senza scie sono stati ritoccati per sembrare quelli odierni... pieni di velature, senza nuvole da bel tempo, o con i colori sbiaditi e bianchi di oggi...addirittura in certe scene si vedono i cieli bellissimi di una volta, ma in certi rapidi cambi di immagini il cielo è diverso per poi tornare quello di prima... come piccoli flash subliminali per i nostri cervelli

      comunque:

      http://globalskywatch.com/chemtrails/ubbthreads.php?ubb=showflat&Number=10767

      non dimentichiamoci delle famose carte degli illuminati, tra cui c'è quella denominata:

      riscrivere la storia... oltre a quelle dove si vedono le operazioni di scienziati pazzi con aerei che rilasciano scie, e modificazione climatica

      Elimina
    7. e questa è una variante del giochino mentale tramite i film per bambini:

      http://globalskywatch.com/chemtrails/ubbthreads.php?ubb=showflat&Number=50#Post50

      Elimina
    8. http://globalskywatch.com/chemtrails/ubbthreads.php?ubb=showflat&Number=44#Post44

      Elimina
  2. off topic.. e intanto Macron è il presidente della francia.. nel video si nota la piramide alle spalle ormai gli illuminati son senza ritegno :)
    https://www.youtube.com/watch?v=FJpwJOuol70

    RispondiElimina