Cerca su VerOrizzonte

venerdì 17 marzo 2017

Fai Da Te Il Tuo Sistema Solare

Una mia teoria generale sull'organismo umano, basata soprattutto sulle ricerche del Dott. Michael D. Gershon (...) pubblicate nel suo libro "Il secondo cervello" (lettura consigliata personalmente dal blogger) è che quelli che egli definisce i "visceri" superiori -l'encefalo- funzionano bene fintanto che sono in sintonia con quelli "inferiori" -l'intestino-, e perciò basta un po' di "reflusso gastroesofageo" per rovinarti la giornata, senza parlare dei disturbi più acuti e/o cronici...
Una volta compromesso questo equilibrio in modo essenziale, con l'imposizione di una dieta devastante come quella promossa dagli adoratori della piramide alimentare, e imposta come dogma nelle scuole elementari, tutto è compromesso di conseguenza, nella vita del Gentile Pubblico Pagante e, con l'aggravante spirituale (ed etica, morale, etc.) delle vittime innocenti del sarcofago coatto, anche ad un livello ben più profondo e ancor più interiore di quello intestinale.

E' soltanto una mia ipotesi, che avanzo in qualità di ricercatore e di cavia nel contempo, come "vegan" sempre più convinto della validità della mia scelta, per cui nessuno può smentire i risultati che vivo ogni giorno per anni, o decenni, ma in compenso chiunque può ri-cercare da sé utilizzando la mia stessa metodologia; e data l'importanza dell'argomento, direi che tutti dovrebbero farlo...
O almeno, provarci.

Ma conosco altrettanto bene i paradossi del mondo moderno... Perché mi piaceva tanto il profumo delle creme e degli oli solari? Cancerogeni. Perché amavo il borotalco? Cancerogeno. Perché adoravo (e adoro, o meglio odoro ancora, ma da lontano) le patate fritte? Cancerogene... Avevo una viva attrazione per tutto ciò che è potenzialmente mortale, e se queste si possono dire simpatie istintive, possiamo solo immaginare che razza di "istinto" abbia sviluppato il cittadino medio.
Dopo tutto, la benzina è sempre al top degli odori preferiti dall'uomo, e tutti i "profumi" sul mercato hanno una base alcolica.

Una curiosità da ChiChiu Lamdel gruppo VEGANS UNITED:


a sx. l'ideogramma Cinese di "persona", a dx. "carne"

--

Da Simeon Dawkins una bella galleria di personaggi storici; la loro storicità è opportunamente segnalata secondo l'antico codice:

--

Forse questa è già stata pubblicata qui, ma vale la pena di una seconda visione, con il commento di Henrik Nielsen del gruppo Flat Earth Unite: che traduco: "LABORATORIO DI RICERCA SUL GALLEGGIAMENTO NEUTRALE ~ Houston, Texas
ISS - INTERNATIONAL SUBMERGED STATION" [stazione spaziale sommersa, NdT]


Trad.: "A volte una foto dice tutto"

Purtroppo il suo gioco-di-parole si perde nella traduzione, ma un vacuum cleaner, letteralmente "pulitore a vuoto" in Inglese è un aspirapolvere, e quindi ""NEL VUOTO DELLO SPAZIO"...


"SACCHETTI USATI DELL'ASPIRAPOLVERE?
NAH.
ASTRONAVE DA DIVERSI MILIONI DI DOLLARI"

lo scorso 12 Marzo sempre Mr. Nielsen‎ aveva pubblicata questa image macro FAI-DA-TE:


Trad.: "COME COSTRUIRE IL VOSTRO "VERO" LEM (MODULO DI ESCURSIONE LUNARE)
La tecnologia di integrazione su larga scala non era possibile nel 1969 perciò non c'era modo di produrre un micro computer abbastanza compatto da adattarsi alle dimensioni ridotte del modulo di escursione lunare. Amen!!! 
Le parti necessarie per costruire la vostra robusta scientifica astronave high tech da vari milioni di dollari:
-un mucchio di grandi fogli di cartone
-un grande rotolo di cartone catramato
-qualche vecchia asta per tende
-qualche faretto da esterno
-una vecchia antenna TV
-un rotolo di carta dorata
-e tanto tanto NASTRO ADESIVO PER TENERE TUTTO INSIEME NELL'AMBIENTE OSTILE DELLA SUPERFICIE LUNARE"

A occhio e croce, ce la potremmo anche cavare con meno di svariati milioni di dollari... Poi basterebbe trovare almeno un Paese disposto a credere che la nostra creazione artistica sia andata sulla Luna... e che sia anche tornata, misteriosamente trasformata in un paiolo galleggiante come questo:

Immagine: Popular Mechanics

E non pensate che simili paesi non esistano... Il mondo ne è pieno.
Potrei organizzare una colletta per una Missione Spaziale VerOrizzonte... ? So che la barzelletta è vecchia, ma potremmo sempre dire di essere andati sul Sole con il favore della notte, e scommetto che anche in quel caso avremmo il sostegno del Gentile, Grande Pubblico, malgrado le (eventuali) controversie.

Ho come l'impressione che a Mr. Nielsen la NASA non sia particolarmente simpatica; infatti concludo la serie dei suoi interventi con questa immagine, accompagnata dalla sua didascalia eufemistica: "Questo mucchio di m***a è andato sulla luna" 


in effetti, basta credere che quello scenario sia "la luna"... e tutto riesce più facile.
L'ombra del LEM, come diavolo potrebbe mai raggiungere l'orizzonte?

--

Mary Helene Moon condivide questo stralcio poetico-didattico su Astrology & Our Flat Earth:


che scopro tratto dal cap. XII di "The Book of Talismans"; la mia traduzione ovviamente non è in rima baciata, ma in compenso è fedele (=):

p. 126

"I SEGNI DELLO ZODIACO IN RIMA"
Ascolta come ogni segno influenza la parte del corpo,
Come ogni parte il suo proprio signore obbedisce
E quali membri della cornice umana
Dove governano, le loro varie forze affermano.
Primo l'Ariete, la Testa gli fu assegnata;
Signore dei muscoli, del Collo, il Toro troviamo;
Le braccia e le spalle composte in giusta unione
Possiedono i Gemelli, ognuno in parte uguale.
Il Cancro, come sovrano del Petto presiede;
Il Leone,  le scapole e i lati.
Giù per il fianco, il gruppo della Vergine discende,
E con il posteriore termina l'infuenza della Bilancia;
Il fiero Scorpione si delizia nell'inguine,
Il Centauro nelle cosce impone i suoi diritti,
Mentre su ambedue le ginocchia domina il Capricorno,
Le gambe rinfrescano la provincia dell'Acquario;
Infine,  i due Pesci nella loro regione si incontrano,
hanno la loro giurisdizione in un paio di piedi."


Lunatic A.M. Culpepper (!!!) del gruppo Flat Earth Truth Movement condivide la più grande verità, e l'estrema illusione umana:


"Così fu... [che ... nel Tem]pio di Delfi leggiamo, "Conosci te 
stesso e conoscerai l'universo e gli Dei."

Non è un semplice consiglio, o un insegnamento, una regola o una legge; anzi io temo che, qualunque cosa si possa fare in questa vita, alla fine non avremo fatto proprio nient'altro che questo. 
Di conseguenza, sarebbe bene saperlo da subito, senza aspettare la maggiore età per essere introdotti ai riti misterici =)

Questa descrizione del Mundaka Upanishad in Introduzione alla Conoscenza Vedica di Parama Karuna Devi (Google Books) ci rende una idea meno astratta del motto misterico:



Coincidental-mente, arriva per tempo questa immagine vintage di Tone Will su Esoteric Knowledge & Occult Science:


Trad.: "Ci sono due tipi di persone: 
Religione -- Conoscenza di sè"

(non mi pare che per descrivere dei "tipi" di persone sia corretto l'uso di sostantivi, ma condivido il principio generale... la vignetta sembra tanto vecchia che probabilmente la gente non sapeva ancora leggere=)

E ricordiamo ancora le parole di Bergson condivise da Tina Mucci‎ su International flat earth movement:


Trad.: "Fortunatamente, alcuni nascono con un
sistema immunitario spirituale che presto o tardi
mostra un rifiuto per la illusoria visione del mondo 
che è stata innestata in loro dalla nascita attraverso
il condizionamento sociale. Essi iniziano a sentire che
qualcosa è sbagliato,  e iniziano a cercare risposte.
La conoscenza interiore ed esperienze esteriori anomale
mostrano loro un lato della realtà di cui gli altri sono ignari,
e così inizia il loro percorso di risveglio. Ogni passo del
percorso viene compiuto seguendo il cuore anziché seguire
la folla e scegliendo la conoscenza in luogo dei veli dell'ignoranza.
-- HENRI BERGSON
(FATE RICERCHE SUL GEOCENTRISMO)"

Siamo tutti destinati a sottostare al Velo di Māyā (o di Iside, se preferite), compresi gli "dei"; perlomeno, non peggioriamo le cose aggiungendo anche quelli dell'ignoranza... Ma dal momento che questi ultimi ci sono stati sempre imposti da qualcuno, da che abbiamo memoria, adesso è necessario strapparli tutti, uno dopo l'altro.

Mathew Brown ci offre questo video con il suo commento lapidario: "Qualche stella e pianeti"


video

Avete il diritto di pensare tutto quello che volete su queste immagini. Ve lo garantisco io.

--

Il termine Inglese "heaven" viene reso in "cielo" nella versiona Italiana di Wikipedia, dove per inciso viene specificato che si tratta del "cielo religioso", distinto da quello "scientifico".
In realtà, lo vediamo tutti, non si tratta di "cielo" (Ing. sky) né di "paradiso" (Ing. paradise); la attinenza con l'antico termine Proto-Germanico "Hemina" suggerita da Wikipedia appare ovvia nel medium linguistico Tedesco, dove ancora oggi il cielo è detto "Himmel". Stranamente, nella nostra lingua si usa spesso il plurale "cieli" (in part. "l'alto dei -") come "pluralis majestatis", ed è possibile che in entrambi i casi i due diversi termini -quello Germanico e quello plurale- nelle due lingue si riferiscano al "vero cielo", o finanche ognuno dei sei "piani superiori" che sovrastano il nostro firmamento.

Tutto ciò per introdurre la mia teoria notturna, scaturita dal doppio post di Azad Mamedov, con due diverse versioni dello Stemma della Città del Vaticano:



di cui leggiamo la descrizione "ufficiale" su Wikipedia (link sopra):

"Sotto al triregno sono rappresentate le chiavi, simbolo del legato che Gesù Cristo ha lasciato a San Pietro (la custodia delle chiavi del Regno) e quindi alla cristianità, decussate a Croce di sant'Andrea. Le chiavi di san Pietro decussate sono diventate, fin dal XIV secolo, l'insegna ufficiale della Santa Sede.[5]
Le due chiavi sono una d'oro e l'altra d'argento; solitamente sono posizionate con i congegni (traforati a forma di croce, come simbolo religioso) posti all'esterno, orientati in alto, rivolti verso il cielo.
Si noti che la chiave dorata punta a destra: è l'opposto dello stemma utilizzato per simboleggiare il papato e la Santa Sede; essa allude al potere sul regno dei cieli. Quella d'argento, «a sinistra», indica invece l'autorità spirituale del papato in terra.[5]"

Come premesso, si tratta di una mia teoria, e per giunta notturna, ma anche in questo caso mi affido alla enciclopedia libera per qualche indizio che non sia troppo fantasioso. Leggiamo quindi i Cenni Storici sull'oro (Au, 79):
"Lo scopo principale degli alchimisti era di produrre l'oro da altre sostanze, come il ferro o il piombo, per mezzo della pietra filosofale. Il simbolo alchemico dell'oro era un cerchio con un punto nel centro, che è anche il simbolo astrologico occidentale, oltre che il simbolo geroglifico egizio e il pittogramma cinese, del Sole (日). In particolare con il termine sole obrizzo gli alchemici indicavano l'oro puro ridotto in polvere.[8] [...] ]L'affinità tra l'oro e il Sole fu sottolineata da Tommaso d'Aquino,[10] il quale sosteneva in proposito che il simile può nascere solo dal simile:[11]"

E quindi leggiamo a proposito dell'argento (Ag, 47) che:

"In molte teologie e cosmogonie, l'argento è associato alla Luna e a divinità lunari e femminili. [...] In araldica il colore argento ricorre in molti stemmi e blasoni; a volte viene rappresentato con il colore bianco."

Con l'illustrazione:


Il simbolo della luna crescente, 
associato all'argento dagli alchimisti.
(Id.)

Conosciamo se non altro i principi dello strano culto astro-teologico chiamato "cristianesimo", del dio-sole nato all'equinozio invernale e morto e risorto con il solstizio di primavera: conosciamo l'idea delle "chiavi del paradiso" che appartengono a "San Pietro", il "vicario di dio" sulla Terra, il primo vescovo/papa/Re di uno Stato immaginario al centro del mondo (tutte le strade ci portano lì, Roma Caput Mundi... che è sempre il contrario di Amor). Ma abbiamo considerato il fatto che il nostro "paradiso", non inteso come il Giardino dell'Eden o "paradiso terrestre" chiuso fuori dalle mura cittadine, ma quello "celeste", e che in Inglese non viene chiamato né "sky" (cielo) né "paradise" (paradiso) ma "Heaven", è un regno non meno immaginario -e quindi altrettanto reale- quanto lo Stato del Vaticano, che ne custodisce le chiavi?

Considerate l'affermazione, come è capitato a me poco fa, con tutta l'ambiguità del termine "heaven", che come il nostro "cieli" sembra sottintendere qualcosa di superiore e praticamente ignoto: che "San Pietro possiede le chiavi dei cieli"; è un linguaggio "simbolico", certo, ma questo mondo non forse una rappresentazione simbolica -un mondo-di-parole- di qualcosa che per noi è incomprensibile e inconcepibile, e  non di meno è l'origine e l'essenza di tutto ciò che conosciamo, laddove "San Pietro" è detta comunemente la basilica nella omonima piazza che è "Posta a margine del centro storico di Roma" e quindi è nel centro del centro del mondo?

Allora pensiamo che il simbolismo definisca proprio il ruolo della chiesa di Roma come custode dei misteri astro-teologici ancora perlopiù sconosciuti presso il Gentile Pubblico Pagante, ma la mia teoria si estende oltre, alla possibilità che i "vicari di dio" terricoli possiedano di fatto quelle "chiavi" che sono molto ovviamente, ed essenzialmente assimilate ai Due Grandi Luminari Celesti, il Sole e la Luna.

E' anche vero che l'oro e l'argento sono stati i due metalli nobili più usati come moneta nel passato, sul loro valore di mercato si è basato l'andamento economico e finanziario di paesi e popoli nel corso dell'evoluzione del Sistema monetario, e fino a poco fa tutto il denaro in circolazione era l'equivalente delle riserve auree, per cui si poteva ottenere il corrispettivo valore in oro di ogni "biglietto di banca", che era una sorta di ricevuta per qualcosa di "reale". Oggi, l'unica cosa reale è la banconota stessa, il foglietto stampato che prendiamo e diamo in cambio di qualsiasi cosa, pur conoscendone il valore effettivo, che è quello di un pezzo di carta qualunque.

E quindi, assurte ad emblema della Più Grande Holding Company Di Sempre, le "chiavi di lettura" del potere metallico (viviamo nel kali yuga, l'età del ferro) della chiesa rappresentano questo "regno elementale", in cui due metalli praticamente inutili, ma dalle qualità luminose (ergo, energetiche) uniche, associati magicamente ai due Grandi Luminari, sono stati pre-scelti per misurare, paragonare, comprare e vendere ogni cosa e tutto di questo mondo, compresi i suoi abitanti.
Il mio sospetto è che le cose siano correlate in questi termini, così in alto come in basso; il potere aureo del Sole e quello argentino della Luna sono rappresentati da questi due elementi, all'origine del Grande Gioco del Monopoly a cui oggi siamo tutti costretti a giocare, così come l'uomo è sempre stato sottomesso al potere vitale e calorifero del sole, e a quello mortifero e congelante della luna, che hanno segnati i "tempi" dell'umanità così come fanno per ogni singolo individuo, giorno dopo giorno, e notte dopo notte, dalla sua nascita alla sua morte.

Noi lo sappiamo, abbiamo indagata a fondo la materia, scoprendo le qualità del sole e della luna che non corrispondono alle nozioni pseudo-scientifiche dei libri di testo e dell' astronomia moderna e della teoria eliocentrica; quindi possiamo se non altro immaginare che questo intero Sistema, quello che ho paragonato prima ad un dio-rama, un meccanismo astrale, un calendario e un orologio "cosmico", sia tutt'altro che una espressione naturale dell'essere, che secondo il mainstream scientifico sarebbe scaturita da una singola esplosione del tutto dal niente. Come abbiamo sentito dire dal Super Boss Bergoglio, a loro basta dire che dio ha voluto il big bang, e sono tutti contenti, hanno salvati capra e cavoli. Ma l'intera faccenda al contrario non accontenta me, e nessuno che non sia altrettanto di bocca buona da ingoiare amo, lenza e tutta la canna, come fa il Gentile Pubblico, sempre muto come un pesce.

Alla fine, che ci piaccia o meno, questa gente ci ha affibbiato un "ruolo" (sociale) sul Grande Set, dopo averci dato il nome di una persona (Lat. "maschera") che è un personaggio della messinscena, o 'commedia umana'; con la valida manodopera dei Liberi Muratori essi hanno costruita l'intera scenografia della "civiltà" moderna, con i suoi recinti urbani e le sue scatole-per-gente (e per dio), e sulla base di questi fatti è solo il limite della nostra immaginazione che ci impedisce di guardare oltre, al quadro d'insieme, che siamo stati ammaestrati e quindi abituati a definire "naturale".
Ma come può un ragazzo nel pieno del suo vigore amare le creme solari, il borotalco e le patate fritte? Come possono miliardi di persone mangiare fast food (e in fretta, anche!) e bere coca-cola? Come possono anche solo sopportare di entrare a far parte di un marchingegno obsoleto, ripugnante e velenoso come una automobile? Come si può credere alle fictions televisive intitolate "TG"? 
...Alle "scoperte" della NASA? Come si può accettare di dover mangiare delle carogne per sopravvivere? Come si può abituarsi a credere (molto ciecamente) di vivere su una sfera rotante a 1000 km/h nel vuoto teorico all'età di 6 anni, senza mai smettere di farlo fino all'ultimo respiro, dopo aver vissuta una vita intera su una superficie palesemente piana e indubbiamente stazionaria?

Siamo quella generazione che ha smesso di farlo, e non dico di esserne fiero, il sapere dove si è non è cosa di cui andare fieri, ma a quanto pare da cinque secoli a questa parte nessuno lo ha mai saputo veramente, senza essere almeno un prete, o un Maestro di qualche grado. O un astronomo eremita.
Il luogo della nostra reclusione, sotto il soffitto stellato, è stato reso l'ennesimo mistero dai misteriosi Controllori; io credo che sulla base di questa consapevolezza, possiamo fare qualche passo avanti.
Tutti quanti.

Intanto le viole prosperano nei cortili ombrosi


gli alberi esplodono di colori e profumi sopra le strade contaminate


il Tarassaco quest'anno è rigoglioso anche in piazza:


e l'ape si tuffa nel calice soave della Magnolia


 ... la vedete?

Il Kali Yuga secondo Wikipedia è iniziato alla "mezzanotte del 18 febbraio 3102 a.C.) e durerà 432.000 anni, concludendosi nel 428.899 d.C."
Portiamo pazienza...

5 commenti:

  1. "Siamo quella generazione che ha smesso di farlo, e non dico di esserne fiero, il sapere dove si è non è cosa di cui andare fieri, ma a quanto pare da cinque secoli a questa parte nessuno lo ha mai saputo veramente, senza essere almeno un prete, o un Maestro di qualche grado. O un astronomo eremita.
    Il luogo della nostra reclusione, sotto il soffitto stellato, è stato reso l'ennesimo mistero dai misteriosi Controllori; io credo che sulla base di questa consapevolezza, possiamo fare qualche passo avanti.
    Tutti quanti."

    Tu dici Jack?
    Rispetto a cento anni fa, si abbiamo questo tecno-logia che ci aiuta ad capire meglio, ma tu vedi un miglioramento nel mondo attorno a te?

    Tutte questa mole di informazioni si dimostrano a mio avviso assai contro producenti.

    Ci si schiera contro i mangiatori di cibo mortifero, di chi si compra il cappellino della nasa, segue il cappellaio matta di roma, o peggio si ostina a dire che la terra è una palla, le scie non esistono ed i complotti sono roba da gente strana e matta.

    Forse,
    dico forse,
    non ci stiamo prosciugando di pura energia amorevole dietro queste cose???

    Ti leggo, e si capisce.
    Quando parli di questi argomenti, ti esponi in un modo,
    quando passi a parlare della natura intorno a te, degli animali o dei splendidi fiori, si sente solo amore, energia, felicità e contemplazione del divino.
    il resto diventa solo fuffa!

    la cosa non è riferita a te, ma un esempio valido per noi tutti

    non siamo forse proprio noi i primi ad essere parte dello scacchiere, manovrato da altri però?

    quando sapremo tutta la verità di questo mondo, a quale libertà saremo giunti?
    potremmo solo provare sentimenti di distacco verso coloro che ancora non giunti a tali nozioni.

    questo è giusto?

    è questa la strada da percorrere?
    siamo sicuri?

    io qualche seria domanda me la sono già posta...

    ringrazio quella tenera, quanto sfuocata ape, per il sentimento di leggerezza che mi ha dato, unita alla tua descrizione così poetica del tuffo nel calice di colore e profumo che hai reso.

    il resto è fuffa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'ho sempre detto -o almeno scritto- i gesuiti, gli "illuminati", i Controllori, i demiurghi non sarebbero niente e nessuno senza la complicità del mondo intero, i miliardi di giocatori di monopoly; ma siamo tutti costretti a giocare per "sopravvivere", e nel contempo siamo confinati nei nostri "spazi vitali" che sono in effetti mortali; secondo me però è impossibile recidere il legame con l'unica verità che definiamo 'naturale', anche se la maggioranza dei cittadini finge che sia così (hypokrites=attore), e si distrae con il gossip e con la fintascienza, con la futilità estrema e le Idiozie maiuscole diffuse dal mainstream.. Alla fine tutti aspettano il weekend e Agosto per andarsene il più lontano possibile dalla loro amata scatola-per-gente, e dal recinto urbano, e dalle 'comodità' che li uccidono giorno per giorno. L'unica cosa 'sicura' per me è che non ci sia niente di sicuro, tutto questo è essenzialmente pura Illusione, e per questo c'è chi ha il potere di fare apparire certe cose per ciò che non sono, e per l'opposto di ciò che sono, e di sottomettere le masse alle loro spudorate bugie a loro esclusivo vantaggio.. questo sicuramente non è giusto, e l'unica speranza per cambiare le cose è di condividere e diffondere le nostre conoscenze via via che le apprendiamo; ognuno di noi ha una strada diversa da percorrere ma il sapere è un bene universale, e come possiamo constatare il non-sapere, l'ignoranza, così come la fede nella falsità fa soltanto il gioco dei potenti, come è sempre stato. Non sappiamo come sarebbe questo mondo se i suoi abitanti conoscessero la favolosa "verità" perché questo non è mai successo, non esiste nulla di simile nella "misteriosa" logosfera cattolica, con il suo governo occulto e la sua magia nera, per noi il "principio" è il "verbo", l'inizio della nostra recita terrena, e non c'è alcuna strada da percorrere se non esiste evoluzione del pensiero, dell'informazione, del sapere, e i popoli vengono mantenuti come greggi o branchi, a disposizione del padrone, è uno stato di inerzia, il cosiddetto 'status quo' che viene restaurato quotidianamente da tutti. In effetti, tutto è "fuffa", dal punto di vista strettamente materiale, ma c'è ancora chi crede nell'"amore" e quindi nel bene, nel giusto, mentre vive quotidianamente il male, l'errore (il contrario di "amor"...) e l'orrore (dei macelli..) ed è programmato per ripeterlo all'infinito da che era bambino; vorrei poter riferirmi alla 'nostra generazione' come ad un miliardo di persone, ma mi rivolgo ai pochi lettori del mio blog, le decine di individui che attualmente si interessano alla Questione Più Fondamentale, e questa per il momento è l'unica verità che conosco riguardo gli "altri", e che mi interessa in qualche grado; per il resto, come sai, da tempo preferisco altre compagnie, e altre attività - intanto è un altro giorno in meno alla fine del kali yuga ;-)

      Elimina
    2. P.S.: grazie per il commento!

      Elimina
  2. Ciao Jack,
    sono d'accordo per esperienza personale con ciò che dici nella prima parte del post. Qualche anno fa partorii la seguente:
    "Quanto più Cibo passa nell'inTestino, tanti più Pensieri nascono nella Mente."
    Le considerazioni di DivineAscension sono importanti. Credo che non si possano non tenere in conto, nello stesso tempo però non si deve fare l'errore di non informare (quello che ho fatto io quando non ho più scritto sul blog). Se l'informazione ci arriva, logica, serena ed innocente è corretto farla passare, altrimenti non serviamo a niente e nessuno, ma solo a noi stessi. Il modo con cui farlo a questo punto diventa la questione importante, però bisogna essere capaci di spiegare senza dividere, anche quando si tratta di un parere personale e non di qualcosa di più oggettivo.
    Qualche anno fa mi sono trovato a discutere animatamente su un blog alternativo. Vi erano due schieramenti, l'attacco maleducato veniva più dagli ospiti che volevano denigrare i metodi naturali del blog, ma anche da questa parte c'erano dei modi non proprio gentili di rispondere. Mi sono centrato e ho iniziato a rispondere in modo sereno e placato, senza argomentare in modo scientifico, ero attaccabilissimo come argomentazioni. Il risultato è che hanno iniziato ad ignorarmi e gli ospiti continuavano a rispondere maleducatamente a chi era maleducato con loro piuttosto che argomentare serenamente con me. E' stata una bella lezione. L'argomento a volte è solo un pretesto per sfogare le proprie ire e le proprie paure.
    Detto questo: la terra è una palla! (volevo sdrammatizzare :) )
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'incoraggiamento, da parte di un (ex-)collega è importante perché sai di cosa stai parlando. Come ho già scritto prima, questa del Piano Terreno è una tappa della mia ricerca personale, del mio "percorso gnostico" (e grafomaniacale), che mi sembra opportuno condividere dato il soggetto trattato, quello che chiamo La Questione Più Fondamentale; quindi è impossibile "spiegare senza dividere", fintanto che abbiamo miliardi di eliocentristi coatti convinti di vivere su una trottola sferica dall'età di 6 anni, e che non si sono mai presi la briga di chiedersi se ciò che credono tanto ciecamente abbia almeno qualche vaga relazione con la realtà dei fatti; lo stesso si può dire dei sarcofagi, dei clienti fissi di big pharma (in conseguenza della prima) etc., e per quanto io mi limiti in genere ad esporre i fatti in modo neutrale, cercando di mantenere un certo tono, la controversia è inevitabile, ed è anzi necessaria per ottenere qualche reazione; infatti, in Italia il fenomeno non si può nemmeno considerare come tale, perché in generale non è affatto considerato dal Grande Pubblico. Per ora mi accontento di non leggere parolacce, e di poterle anche evitare, ma visto che l'"ondata" viene dagli 'americani' che ormai usano più parolacce che parole "normali", mi chiedo se non sarebbe meglio cercare una reazione diretta ai limiti dell'offesa, se poi i risultati fossero paragonabili ai loro... Comunque sia, che la terra è "una palla" lo può dire soltanto l'agricoltore stanco =) grazie per l'intervento, a presto

      Elimina